Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale



Ciao mamme, papà e ladri di bambini....


Oggi ho un rospo in gola che non va né su né giú... Mi tocca sputarlo fuori.

Siete pronti?


In Tennessee hanno messo un divieto sulla parola 'gay' nelle scuole ed un bel bavaglio agli insegnanti per impedire loro di parlare di omosessualità prima del 9th grade, che corrisponderebbe alla nostra terza media, più o meno.


A tutto il Tennessee io allora dico: bene!

Vai cosí!

Capisco il vostro processo mentale. Davvero. Giuro.

Dopo tutto, tutti vogliamo proteggere i nostri bambini da ciò che percepiamo come un attacco alla loro innocenza...

Anche quando l'innocenza è considerata sinonimo di ignoranza.


Caro Tennessee, affermi che il divieto della parola 'gay' è solo per la prevenzione del bullismo e quindi per la 'protezione' ed il 'benessere' della comunità LGBT e dei suoi bambini.

Grazie Tennessee!

Ma non credi che sia proprio permettere agli insegnanti di parlare di omosessualità in maniera positiva e non di parte, l'unica cosa che sarebbe davvero di aiuto?

E non hai invece ‘bombato’ questa possibilità?

Scusa eh Tennessee, ma sei mica stupido?


Perdonami se penso che le tue 'buone intenzioni' sono solo un'altra pietra che pavimenta la strada per l'inferno.

Ok, forse in questo caso si tratta di uno snodo autostradale intero, con i semafori e tutto.

Quindi, permettimi di fare i seguenti suggerimenti.


Insieme con il divieto di parlare di 'omosessualità' in generale ed alla parola 'gay' in particolare, possiamo applicare il divieto di parole come 'Palestina' o 'Israele' e anche di temi come 'guerra' e 'violenza'?

Sarai d'accordo con me che queste parole evocano immagini che sono molto più raccapriccianti di un paio di uomini che pomiciano.


Ahò, mica ti devi fidare di quello che dico io sa? Fai il ‘The Queen Father shock-test’!



Scioccante dici? Non esporresti mai un bambino a questa immagine né useresti mai parole o parleresti di tematiche che potrebbero portare questa scena alla mente?

Benissimo!

Ma come si confronta con questa altra immagine?



E se dovessi scegliere una di queste due immagini da mostrare al tuo bambino, quale sceglieresti?

Scommetti che indovino?


Scommetti anche che useresti queste parole per riparare allo shock che la foto avrà sucitato? "Guarda cosa sta succedendo in questa foto... Questo è male! La guerra è male! Molto male! Gli esseri umani dovrebbero amarsi e rispettarsi l'un l'altro! ".


Eppure hai gettato la prima immagine nel cestino.

Che bell’esempio di amore e tolleranza....

Ipocrita!


Perché dovresti tenere i tuoi bambini all’oscuro della varietà di amore, famiglia e relazioni, ma comprare loro pistole-giocattolo e videogiochi in cui si ottengono 100 punti per aver fatto esplodere a revolverate la testa di uno zombie?

È forse il timore che, parlando con loro di omosessualità, li potresti contaminare indirettamente trasformandoli in froci?


E come mai che la loro esposizione alla violenza nei giochi, programmi televisivi e vita quotidiana non ti preoccupa minimamente?

Te lo dico io come mai.


La dura realtà è che ti sentiresti più orgoglioso se tuo figlio di 21 anni si guadagnasse la vita facendo saltare a suon di pallettoni le teste del nemico in Afghanistan, piuttosto che se andasse davanti al giudice per sposare il suo ragazzo.

Ma ripeto, non mi sorprende. Il sesso e la sessualità sono un tabù ENORME e la violenza semplicemente non lo è.


Non è mai stata.


Questo perché ti sei sempre sentito più a tuo agio a parlare ai tuoi figli degli orrori della guerra, piuttosto che dell'amore che unisce questi due uomini che si baciano.

Ho ragione?


Certo che sí.


Secondo te il sesso corrompe e la violenza no.

Guardacaso, Tennessee, sei uno degli stati col più alto indice di crimini da arma da fuoco negli Stati Uniti, e ti sei così abituato a questa realtà, che non pensi neanche che sia una minaccia per l’innocenza dei tuoi figli. Tu piuttosto preferisci pensare che l'omosessualità lo sia.

E questo dice molto sulla natura umana.


Correzione: la dice lunga sulla natura di alcuni esseri umani.


Forse sto parlando a vanvera (...ma quando mai?), ma Tennessee, datti una svegliata!

Parlando in maniera appropriata del mondo là fuori, nella sua diversità, bellezza ed armonia, non può che contribuire alla costruzione di menti capaci di rispetto, amore e tolleranza.

Le stesse menti che, si spera, un giorno sceglieranno di rifiutare tutto ciò che potrebbe minare tali valori.

Come un invasato con la pistola o un divieto all’informazione.





QF





P.S.

Ho bisogno di sottolineare il fatto che ho scelto le parole 'Palestina' e 'Israele' non per chissà che motivazione politica, ma semplicemente perché queste due realtà sono diventate una parte così integrante delle notizie internazionali nella nostra storia recente da risultare quasi invisibili ai nostri occhi nel loro orrore.

La violenza e gli omicidi di massa sono lo spettacolo permanente a cui ci stiamo purtroppo abituando.

Ma, che ci crediate o no, quella un tempo era una terra pacifica, così come, che ci crediate o no, in Tennessee, nel 2011, 'gay' è ancora una parolaccia a cui nessuno riesce ad abituarsi.


12 comments:

Nora said...

... ma davvero, Tennessee... svegliaaaa! Non mi risulta che l'ipocrisia, la piccineria e la ristrettezza mentale siano le competenze da privilegiare in un buon curriculum scolastico...

Tata e mamma said...

Allora, se proprio dovessero proteggere i bambini dal sesso dovrebbero fare un educazione sessuale un pò più decente, ma mica solo lì, anche qui in Italia, dove sembra sia tabù parlare di sesso coi bambini,mentre invece io trovo che proprio parlarne nelle scuole sin da piccoli aiuti i bambini a non vederla come una cosa "sporca" e a non doversi appoggiare al gruppo di pari per capirne qualcosa prendendo poi degli svarioni assurdi o facendo cose che sarebbe meglio evitare (vedi i ragazzini di 12 anni che succede sempre più spesso commettano atti di violenza di grupp ai danni delle loro compagne di classe), io credo che più che vietare o meno una parola, dovrebbero cercare di spiegare ai bambini i diversi tipi di sessualità che esistono, anche perchè forse nelle scuole del Tennessee ci sarà qualche figlio di genitori gay, e allora perchè dovrebbero pensare che i loro genitori siano sbagliati? O anche ci fosse un bambino gay, così penserebbe davvero di essere discriminato, no?! Boh...io certi perbenismi forzati non li capisco, io sono per spiegare ai bambini le cose e non vietarle, certo non fargli vedere di sesso nelle scuole, ma semplicemente parlare coi bambini col loro linguaggio e spiegare le cose come stanno!!!!

la tina said...

posso prendermi 1 pezzo del ciao anche se non sono genitore nè ladra di bambini?? :)
resto di cacca a leggere dell'ignoranza abissale del tennessee. vorrei poter dire che esiste solo lì, ma no, non è così. al liceo io ho visto lezioni di educazione sessuale solo durante l'autogestione, ed era un modo per quelle più grandi di raccontarci dei loro ragazzi... non immagino neppure uno dei prof a spiegarci qualcosa di serio, di profondo, anche di "diverso" rispetto ai dettami comuni di normalità, vuria mai...
sono felice che ne parli, che certe cose vengano affrontate. mi spiace solo pensare a quei ragazzini che se non lo sentono a scuola, e dubito se ne parli a casa, vivranno l'omosessualità come un enorme buco nero di cui non si deve/può parlare. che pena mi fanno.

The Queen Father said...

Questi sono gli Stati Uniti signore mie.... Accanto alla libertà, alla democrazia ed all'indomito spirito di indipendenza tutto a stelle e strisce, c'è sempre qualcuno con la bibbia in una mano e la pistola nell'altra.
Il paese delle contraddizioni.
A me fa tanta paura..... e pena.

QF x

Nuvole Gialle said...

Anche a me ha sempre fatto paura e pena. E tristezza nelle sue contraddizioni.
Povero Tennessee piombato (ancora) nell'abisso dell'ignoranza

Owl said...

mi fa una tristezza sta cosa che non ho trovato niente di più intelligente da scrivere... avrò il chiodo fisso, ma la ibertà, la gioia, l'amore sono sentimenti poco controllabili. Vuoi mettere invece la paura e la guerra quanto rendono...
Che schifo.

Rossa Innaturale said...

Sai Marco, il modo c'è, ed è semplice, siamo noi, e il nostro modo di vivere. Per ogni legge idiota, per ogni atteggiamento omofobo, per ogni stronzata che può essere tirata fuori ci sono e ci saranno sempre delle persone che a testa alta vivranno la vita secondo il proprio sentire, le proprie credenze, il proprio cuore-testa-anima. Voglio dire, tu sei padre, alcune delle persone che hanno risposto qui hanno dei figli, tutti noi interagiamo ogni istante e ci contrapponiamo a quelle che riteniamo idiozie. Dici che sembra un riconsolamose co' l'ajo? Non credo, i cambiamenti nascono dalle persone, se non cambiano le persone non possono esserci cambiamenti. E le persone non cambiano con le leggi o con i discorsi, ma per osmosi, con l'esempio, con la verità spiattellata sotto gli occhi. Dici che sono ingenua? eppure rifletti, solo grazie a te, solo conoscendoti, solo osservando la realtà della tua vita, del tuo amore per tuo marito, per l'amore che avete per il piccolo G, quante persone hanno messo in discussione loro stessi? quello che dici, che è giusto, sacrosanto e che condivido, non sarà mai più forte del sorriso di tuo figlio.
Aggiungerei che ti voglio bene, ma in questo contesto non c'entra proprio una mazza.. ;P

Silvia said...

non ho nulla da aggiungere...
davvero,mi hai rubato di bocca ogni parola che avessi potuto articolare sull'argomento.

dabogirl said...

d'altro canto ci son Stati in USA dove è vietato fare sesso in posizione diversa dal missionario...

che poi qua si dice sempre "eh, è colpa del Vaticano". Oh là non c'è.

No ragazzi facciamocene una ragione (si fa per dire): l'idiozia e l'intolleranza umana non hanno confini.

ps: questo blog mi piace tanto, mi posso accomodare con un tramezzino ai cetriolini?

The Queen Father said...

Dabo, ma i tramezzini te li faccio trovare io qui la prossima volta.... Caffè o thè?

xxx

Pentapata said...

certo fino alla terza media....proibendo lo sapranno tutti dal primo giorno di asilo, esattamente il contrario di quello che vogliono ottenere, che fessi.

CosmoGirl said...

Quanto hai ragione e quanta ipocrisia c'è in giro! Non avevo mai pensato a questo paragone (violenza-omosessualità) ma è assurdo che la prima sia accettata e l'altra no! E' il mondo che gira al contrario!
Si benedicono le guerre e i soldati. Chi uccide la gente può sposarsi in chiesa...e ho detto tutto.