Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale



Bip..... Bip.... Biiiiiiiiiiiiiiii
Ogni volta che vedo Bridget Jones in TV, mi viene voglia di raccontare le mie di vicissitudini sentimentali....
Ovvio che devo fare dei tagli, sennò qui facciamo notte, ma tutto iniziò a 16 anni con la mia prima ragazza! Sì! Ebbene lo confesso! 
Il primo essere umano che io abbia mai baciato è stato una ragazza.
Le cose si sono complicate non poco quando ho scoperto che in realtà, mentre pomiciavamo (e pomiciavamo continuamente...), io immaginavo di baciare Clayton Norcross, il biondone di ‘Beautiful’.
Non voglio mancare di rispetto alla mia ex-fidanzatina, ma baciarla, toccarle il seno, stringerla a me.... Niente.... Zero..... Linea piatta.... Frustare un cavallo morto.
Ma se pensavo a Clayton...... 



E' ancora un gran figo di Dio...
Dopo 5 mesi ci siamo lasciati. Tre in una relazione è sempre troppo.

Poi arriva la numero due, io avevo già 18 anni e lei era davvero carina. Ad insistenza di una nostra amica in comune (della serie, mettetevi insieme così usciamo in gruppo...), mi sono detto ‘Proviamoci..... Meglio di essere l’unico single nel gruppo....’, e così mi sono buttato in questa piccola avventura, durata appena un’estate. 

La sentivo un po’ come una forzatura, poi un giorno, mentre ci sbaciucchiavamo avvinghiati sul muretto della chiesa in centro (ANATEMA!!!), lei seduta sul muretto con le gambe intorno alla mia vita ed io in piedi concentrato sulle bellezze di Mr Norcross , le è venuto il ciclo inaspettatamente (....ma non viene più o meno sempre lo sesso giorno?) e mi ha sporcato la felpa nuova di sangue. 
Lei imbarazzatissima che non sapeva dove mettere la faccia, io che sembravo ‘Carrie’ di ritorno dal ballo di fine anno.



Povera Carrie, serata sfigata eh?
In quel momento ho capito che io con ‘quella cosa lì’, non volevo avere niente a che fare.
Non ci siamo mai incontrati da vicino io e ‘quella cosa lì’, ovvero, una volta sì, alla mia nascita... Ne sono uscito fuori senza mai guardarmi indietro. 
Io e ‘quella cosa lì’ siamo rimasti amici a distanza. Io la rispetto e lei si è rassegnata al fatto che da me non avrà mai visite. 
Della ragazzetta invece ho del tutto perso le tracce, ma spero abbia almeno preso l’abitudine di farsi un appuntino circa le date in cui diventa ‘pericolosa’ per il bucato altrui. Ecchecazz....

Così è la vita.

Eh ma poi tutto è cambiato.




Prima di tutto è arrivato il coraggio di darsi il nome giusto: Marco, tu sei un omosessuale. Ti piacciono i ragazzi, ti piacciono i muscoli, ti piacciono i capelli corti, le mani forti, nun c’è gnente da fà. Ecchete quà. Mo che voi fà?


BOO!
Il grandissimo sforzo di mettersi un’etichetta in fronte e guardarsi allo specchio, con la paura di non riconoscere il proprio riflesso. Anzi, forse di più la paura di riconoscersi ed odiarsi.
Invece no. Essere gay mi è piaciuto da subito. Mi è piaciuto ‘na cifra!
Tutto ha avuto subito senso. Le mie manie, le mie fisse, i miei languori e i miei dolori. 
Sono letteralmente sbocciato.
La vita mi ha garantito una seconda adolescenza in cui fare le mie esperienze di nuovo, una per volta, ma con i ragazzi, che era decisamente meglio. Tanto per cominciare non mi sarei più dovuto preoccupare dei problemi idraulici relativi all’altro sesso. 

Un bonus decisamente.

Prima persona baciata PCO (Post Coming Out) è stata F. Era un gran bono, lo posso dire? Se si riconosce su queste righe poco mi frega. 
È un complimento no? Oddio, spero per lui che sia ancora gay e non etero coniugato con figli.... Fare il rovina famiglie a distanza no eh....
L'innocenza dà a tutto un altro sapore...
Comunque io avevo 19 anni e lui 20. Ci baciammo nella mia macchina, la sera di Natale, al buio. Avevo le mani congelate e lui se le mise sotto alla camicia, sul petto. Il contatto innocente delle mie mani con la sua pelle è una sensazione che non ho più provato in vita mia. Perchè c’era tutta la mia innocenza su quelle mani. 

Tutta bruciata in una fiammata che mi fece girare la testa.

Impossibile da rivivere. Impossibile da dimenticare.

F. sapeva di sigaretta, gomma da masticare e colonia comprata in tabaccheria, ma quel bacio è stato una vera tsunami di sensazioni che ricordo ancora. Ricordo di essere sceso dalla macchina ed aver rifiutato che lui mi tenesse la mano, sempre in preda alle paranoie da paesello dove tutti ti conoscono. 

Eppure le mie gambe tremavano così forte che riuscivo a mala pena a camminare. Succede quando ti strappi da dosso la corazza per la prima volta.... Sotto sei molle e bianco come una medusa.

E non riuscivo a smettere di sorridere.



"Avanti il prossimo!!"
Andavamo a casa di T a giocare a carte, lì c’erano tutti, seduti intorno al tavolo, con una montagna di pandoro e panettone già tagliato in mezzo. 
E io ed F a farci piedino sotto al tavolo e a farci i segnali per incontrarsi di fuori col pretesto di una innocente sigaretta e baciarsi ancora un po’. 

Ricordo l’elettricità che c’era nell’aria. La sensazione di possibilità, di pericolo, di adrenalina tutta ormonale.

La cosa è durata solo una sera. 
Alla fine della serata eravamo già su due pianeti diversi. 
Ma è andata bene così.

Eravamo due bambini... Una vita fa.... Eppure da quella serata è partita la mia storia, e scommetto che lui neanche si rende conto di aver succhiato via dalla mia bocca le ultime vestigia del piccolo, insicuro, schernito Marco per far spazio al nuovo individuo che esplodeva di energia, sessualità e curiosità. 
Praticamente un mostro.
Vabbè, esagero per amor di effetto. 
Ovviamente, ubriaco della mia nuova pelle di omosessuale, ero fiducioso del fatto che il mondo non aspettava che me.
Mi sentivo irresistibile, come se non ci fossero altri 19enni curiosi e spericolati al mondo a parte me. 
Tutti si sarebbero innamorati di me, ero fuori dall’ombra ormai, e mi sentivo predatore.


Purtroppo gli anni successivi mi dimostrarono quanto invece io fossi preda.
Preda dell’invidia di uno, della gelosia di un altro, della follia pura e semplice di Alessandro (dico il suo nome perchè è un pezzo di merda e magari si riconosce pure su queste pagine se non è già morto per tutti i colpi che gli ho tirato...). 
Ma ancora di più, quanto io fossi preda del mio stupido cuore, indossato sul risvolto della manica come la medaglia di un soldato e regalato ogni volta che qualcuno mi dimostrasse un po’ di tenerezza.
Il mio stupido cuore che si innamorava sempre e si spezzava sempre e che non si induriva mai. 
Un grosso difetto di fabbrica in qualunque essere umano. 

Ma che ci volete fare? 

Alcune cose hanno senso solo quando si rompono e se si rompono, è perché funzionano come devono.

Ma questo è un’altro post.



QF

14 comments:

Semplicemente Mamma said...

Eppure le mie gambe tremavano così forte che riuscivo a mala pena a camminare. Succede quando ti strappi da dosso la corazza per la prima volta.... Sotto sei molle e bianco come una medusa.

Alcune cose hanno senso solo quando si rompono e se si rompono, è perché funzionano come devono.

tu sei un poeta lo sai?! mi hai fatto venire la pelle d'oca co ste frasi!!!!wow....e sai che mi ci riconosco?! anche se io sono quella coi problemi idraulici e le rosse inaspettate sempre quando non devono (e no,non a tutte vengono sempre più o meno lo stesso giorno...le mie fanno n'po come je pare....però che schifo la maglietta sporca...questo non mi è mai capitato e spero non mi capiterà mai!)...un abbraccio!!!!

Mammazeroventi said...

E' la prima volta che leggo il tuo blog, e penso che dovrò recuperare il tempo perso, perchè è proprio bello!!!

Pentapata said...

That’s because there was all my innocence in those hands.
All my innocence totally burnt up in a blaze that made me dizzy.

Impossible to relive. Impossible to forget.

ohhhhh un poeta veramente. una sensazione che abbiamo provato (SPERO) tutti!
mannaggia a te l'ho letto in inglese e va bene esercitarsi però..

Seavessi said...

che bel post Marco... non so che scrivere, mi sono emozionata.

(la parte splatter è spaventosa, credo il peggior incubo di qualsiasi ragazza...)

Chiara said...

Che emozioni hai risvegliato in questa vecchia ragazza! Il primo bacio (della vita o con l'amore di sempre...) è davvero indimenticabile, e quelle gambe che tremano tanto da non farti camminare...
Poi ho apprezzato molto la citazione di LadyDiana e il faccino di Clayton, è stato l'ultimo biondo a piacermi. Orrore ma felicità per aver scampato per sempre una figura così di mmerda come quella delle rosse sulla felpa.
Ma poi ci sono altre puntate?? Io aspetto ;-)

The Queen Father said...

Chiara.... Lady Diana???? Oddio..... Ma dove?

QF xxx

Pentapata said...

nooooooooo lady D faceva biutiful e non me ne sono mai accorta !!!!!!!!!!!!!

Chiara said...
This comment has been removed by the author.
Chiara said...

Maddai! Quando ha detto che in tre un matrimonio è troppo affollato! (e non si riferiva al riporto di Carletto)

Silvia said...

Sono d'accordo su tutto...tranne sulla tua "frecciatina" alla "ragazza di sangue" [la capisco, se hai le ovaie che fanno strani scherzi non puoi prevedere quando avverrà il "disastro"]...
grazie per aver condiviso la tua storia, mi ha portato alla mente tante belle cose che sembravo aver dimenticato,perse nelle pieghe del tempo...

The Queen Father said...

@Silvia, dai che lo sai che dico tutto con amore... ;0) xxx
@Chiara, sei stata troppo sottile.... Giuro che non avevo capito!! xxx
La prox settimana nuova puntata. Mica avrete pensato che finisce qui?

QF x

Nuvole Gialle said...

Sei riuscito a farmi ricordare ogni istante e ogni sensazione del mio primo bacio! E a distanza di 20 anni (oddio, già 20!!! Svengo!) credo che una piccola parte di me sia ancora innamorata di lui! Attendo con ansia la seconda puntata!

Robin said...

I had a crush as well on Clayton Norcross ;) Lol
Poor girlfriend 2… Is her blood on your sweater the only thing you remember about her? I imagine she was sooo embarrassed! Consider that not every girl has got a regular cycle ;)
Gabriel looks adorable (and this comes from someone who doesn’t care about children!) I have a soft spot for this name, and gave it to the main character of a story I wrote, so excellent choice! :)

Ooops, mi sono appena accorta che c’era anche la traduzione in italiano ^^’ Vabbè, la prossima volta!

penelope said...

Anche io ho avuto un Alessandro che mi ha fatto diventare scema! Ma una volta che domini il tuo Alessandro personale,che diventi immune dal suo potere, ti scopri una persona nuova. Che bel post! e comunque, l'adolescenza è terrificante anche per gli etero..