Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale


And even this year our summer’s  over.... 

Shit. 
I mean, is it possible that we left Rome with 39.5 ºC and arrived back in London with 15ºC? 
Don’t you think I am at risk of catatonia for the sudden change in temperature (not even between Mars and Venus such a difference of climate...) like I should just come out of the plane and keel over Gabriel’s trolley? 
Bah. 
I’m nevertheless still alive, back from two weeks in Rome and two days at Disneyland Paris that have scarred me inside (and outside ... See 'The Haunted Manor'... Disney my ass!! That ride was conceived by Satan himself...). 
We have been blessed by the weather, that was nothing short of sensational for the duration of our stay. 
We had lunch and dinner every day in the garden, Gabriel raised Armageddon with the inflatable paddling pool (or ‘the water park’ ... as grandma calls it, but she makes the special effects herself, standing on a chair pouring the watering can over Gabriel inside the pool .... She is too creative!), and I have 'pulled the plug‘  a little from the humdrum of everyday life. 
Then oh well, two days at Disneyland at the mercy of the French (by all means, I love them, but they managed to kill all the Disney Magic with their ‘Frenchness’.... In short, they really pissed me off.... But I will tell you in another post....) and so I have replenished the levels of stress that I was able to reduce during my Roman holiday, and now here I am: hubby in Milan for business, baby napping away and me here, on the sofa, trying to steal a couple of hours to write something meaningful. 
As perhaps some of you have already read the post by Nina Cerca, there was also the opportunity to know personally one of my fellow bloggers, Nina, in a meeting arranged just like that, without thinking. 
And all of a sudden Nina and her Man were in my garden drinking coffee with us. 
With 2000ºC in the shade. 
I don’t think I could add much more to the post she dedicated to our encounter without incurring in the adulatory, but for fuck’s sake Nina! 
At least you could have tried anyway! 
From her post Steven comes out as a hot guy that gets her knickers in a spin and me, I am sweaty, puffy-eyed and ‘walking slowly, like someone that doesn’t sleep much at night’ (...or someone whose artificial hip has been manufactured out of papier-maché). 
WTF Nina... :0)
Then she complains that I have not served any dessert. 
You got lucky with the coffee!!! 
But no, seriously, this was one of those meetings that 'had to happen' and I and Steven clashed with one of the many 'abnormal' realities that are still taboo in Italy. 
The reality of couples that are ‘otherwise fertile’ (to use a definition minted by Nina herself....). 
We would be sent to the stake because we had the audacity to have a child, they would be stoned in the town square because they have the misfortune not to have one yet and the audacity to want to try IVF. 
Out of this world!
I am happy to read in Nina’s post that our meeting has given her and her Man a great desire for optimism, because if it is true that my eyes are a little 'mashed up' from the sleepless nights and the heat, Nina’s eyes are the eyes of someone who cries often. 
Those two eyes, on such a sunny smile and  face, are completely out of place. 
And then her sweetness, her tenderness, her mothering nature, her gentle request  "Can I pick up Gabriel to feel how much he weighs?", while her Man caresses his little head... 
I can only imagine the bitterness that is generated by so much happiness, when that happiness belongs to others. 
I say this honestly. I've been there too and I'm not ashamed to say that I’ve envied. 
Envy is ugly, but it’s human and it’s the sister of Despair: two ugly bitches to run over with your car wherever you see them. 
We spoke about fertilization: heterologous, homologous, assisted, unassisted and all its variants, and for once we did not have to do little drawings nor mention Ricky Martin (who has greatly simplified the explanations I always give to people....).

For some people, as well as for us, (and Ricky ...) children are made this way. 
And those words, our story of the pregnancy achieved after years of waiting, were absorbed, sucked, enjoyed as only those looking for a bit of hope could do. 
My mother telling them how I was 'gotten' (conceived...), and me cringing and trying to eliminate from my mind the image of her with a pillow under her back and her legs in the air. 
Things I do not need to know.  
And my father sitting at the table nodding whenever we spoke of eggs, sperm donation, cryopreservation.... 
As if we were talking about some fertilizer for tomatoes. 
But basically we were ‘fertilizing’. 
We were fertilizing the hope of a wonderful couple that one day will experience our very same joy of having children. 
Our story, instead of being a freak show, has become a seed of hope and inspiration. 
A great gift for someone like me, who, having been raised a Catholic, sometimes think that one day I will have to contend with the Almighty for my arrogance of wanting to live like everyone else. Of wanting a family, the fruit of love more than the result of a well aimed ejaculation.
But maybe it was God himself (to use its common name ...) to put us in front of Nina and her Man with our story. 
One way for him to tell them "You see? There is hope for everyone! Now get busy, you've cried enough and nothing grows out of tears." 
It is the kind of shock that I wanted to give them. 
I am by no means diminishing the pain and the sorrow they must be feeling as a couple, but sometimes, when you concentrate on your under-achievements, you forget what an amazing person you are, and Nina and her Man are truly two of a kind. 
I just want them to know that and honour that with a good dose of optimism..
We were so absorbed in conversation that we did not have the time to even think about taking some photos (just to show you that I was not sweating, nor puffy-eyed.... You know that I’m not letting go of this one right?), nor even to pull out of the fridge the trifle I had made specially for the occasion. And Nina kindly remarks on that too.
So if now you think that I am a lousy, cheap host, well, be my guest (pun intended...). 
Call me cheap, but for God’s sake! After I spend a mortgage in skincare every month, please don’t say I am puffy-eyed! ;0)
Now I have to run as the Fürer has just awoken and he sounds pissed.
See you later! 
QFX 



Tanto perchè rompo sempre le palle col tempo di Londra (eh ma ‘sta pioggia, eh ma ‘ste nuvole, eh ma che grigio, eh che noia che barba, che barba che noia....), il Signore Onnipotente, dotato di un senso dell’umorismo che poi un giorno me dovrà spiegà, ha deciso di trasformare Londra in una frazione di Nuova Delhi, con temperature che arrivano ai 30ºC... 
Bah, magari mi vuole preparare per il caldo che mi aspetta una volta che io sia passato a peggior vita.... Bah.
In ogni caso, con un caldo così, è ovvio che mi carico il mostricino e me lo porto al parco. Il nostro preferito: Holland Park.
Un vasto parco costellato di deliziosi giardini, archi carichi di glicine in fiore,  fontane gorgoglianti e i richiami di innumerevoli pavoni in pompa magna. 
È semplicemente stupendo! 
C’è anche il miglior parco-giochi per bambini al di sotto dei 5 anni di Londra, munito di sabbiera ed attrezzature varie.
Manca solo un cocktail-bar per i genitori che sentono il bisogno di un mojito ghiacciato (o 15...) mentre i piccoli si scornano al sole.




Devo ammettere, è abbastanza intimidatorio entrare in un centro ricreativo per bimbi 'sotto i 5 anni' quando c’è il sole.
Il posto è pieno zeppo di passeggini e carrozzine di ogni tipo, giacche e scarpe si trovano un po’ ovunque così come bicchieri d'acqua e giocattoli. 
Il fattore di intimidazione è il fatto che io sono quasi sempre l’unico papà presente. 
Attiro per lo più gli sguardi dei bambini. 
Si chiedessero mica se io non avessi niente di meglio da fare che insabbiarmi fin dentro le mutande con mio figlio invece di andare al lavoro?
Sì, perché essere un genitore a tempo pieno è da sfigati, vero? 
Ccivostra... Benedetta innocenza....
Ma d’altronde, trattandosi  dei rampolli di famiglie benestanti di Chelsea, il 90% di questi sono accompagnati dalle loro nannies, tutte attaccate ai loro telefonini, mentre i bambini si macellano a vicenda.... 
I genitori sono al lavoro.  
Spesso mi viene posta la domanda: 
"Allora, quando hai intenzione di tornare a lavorare?", alla quale io rispondo 
"Non lo so ancora... Vedremo...".
Questo genera non poche occhiate strane, come se fosse incredibile che io avessi scelto di abbandonare la mia carriera per dedicarmi a tirare su mio figlio a tempo pieno.
Ma poi mi guardo intorno e capisco. 
Tutti i miei amici  e amiche si sono 'precipitati' al lavoro dopo sei mesi, nove o dodici di congedo di maternità. Hanno di solito assunto le loro posizioni originali e ripreso la loro attività. 
È vero che tutto ciò che guadagnano va a pagare il nido o la nanny, che a Londra, nella migliore delle ipotesi, costa una selciata in bocca (qui a Chelsea, la tariffa  media per un giorno intero alla scuola materna è tra £ 75 a £ 100!), ma hanno deciso comunque di tornare a lavorare per una questione di 'preservazione della salute mentale'. 





Come li capisco!

Purtroppo, non ho mai avuto la possibilità di tornare a lavorare visto che le leggi che regolano il congedo pagato di paternità qui in UK decretano che  il massimo che si può ottenere sono 2 settimane.
Ci pensate?
Considerate che ci sono volute 3 settimane solo per portare a casa Gabriel dagli Stati Uniti! 
Ovvio che con due settimane mi ci sarei pulito il c  non sarebbero bastate.
Ho quindi dovuto dare le dimissioni, come già pianificato ad ogni modo, senza rancore, ma essere un papà nell’UK non è un letto di rose, legalmente parlando .... 
Stavo cercando di spiegare questa cosa a mia mamma. È una donna appartenente ad un tempo in cui essere madre e casalinga era la massima aspirazione di molte, moltissime ragazze.
Lei stenta a capire come una donna possa partorire e poi correre al lavoro. 
"Mamma, le fai sembrare come se scappassero dalla sala parto con la valigetta in mano e il cordone ombelicale ancora penzoloni tra le gambe, per arrivare in ufficio in tempo per la riunione delle 08:00...." rido io, 
"Oh, tesoro! Andiamo ... Il posto di una madre è con i suoi figli....", risponde lei, inflessibile.
"Ma, mamma, le donne hanno un sacco di altre responsabilità al giorno d'oggi. Non sono più a ricamare in casa in attesa di diventare spose sai?"




"Perché? Pensi che io invece stessi aspettando in casa che tuo padre venisse a chiedermi di sposarlo? Ho lavorato da quando avevo 13 anni! Nel momento in cui tuo padre è sbucato fuori ero una governante professionista... Bada bene, io non ho mai creduto che quello fosse il mio scopo ultimo nella vita, ma, ciononostante, ho avuto un lavoro a cui ho dovuto rinunciare per sposarmi e diventare madre ... Ho scelto di vivere come casalinga, ho sentito che il mio posto era a casa, con te ". 
"Bene, ho capito, ma un sacco di donne là fuori non possono permettersi il lusso di rinunciare al loro lavoro per giocare  a ‘famiglia del Mulino Bianco’ .... Forse hanno bisogno di soldi o forse sentono che hanno investito troppi anni della loro vita a costruire una carriera per poi lasciarla semplicemente andare... " rispondo io.
"Mah! - Prosegue lei - Credo che il matrimonio (come istituzione) è in crisi perché le donne hanno dimenticato quale sia il loro posto.... Vogliono le stesse cose che vogliono gli uomini e non c'è più nessuno che vuole fare il lavoro di una donna... A parte tu..." conclude ridendo. Stronza. Benedetta ingenuità.
Nella loro semplicità e arretratezza, queste parole mi hanno fatto pensare. 
Nessuno vuole fare il lavoro di una donna. 
Forse è tutto vero. Forse è per questo che un sacco di persone mi guardano sorpresi quando scoprono che ho deciso di appendere il mio abito di Gucci a stare a casa a coprirmi di pongo, cibo e, occasionalmente, vomito. 
Forse scambiare la frenesia di un lunedì lavorativo di meetings e previsioni di bilancio, con un’ esistenza tranquilla di lavatrici cariche che girano, pavimenti da lucidare e dolci che lievitano nel forno non è percepito come un affare.


































Ecco perché, ogni volta che arrivo al parco giochi con Gabriel, ho un centinaio di paia di 'occhi di nanny filippina' inchiodati sulla mia schiena. 
Vedo quale sia l’anomalia della mia situazione, ma la considero come un risultato dell’ evoluzione naturale. 
Vabbè dai, vi spiego. 
Intanto versatevi un po’ di Falanghina che a quest’ora ci sta bene. Se è prima di pranzo conta sempre come aperitivo ok? Macchè colazione???
Siete comodi? Ok.
Nell'età della pietra, è stato il problema della forza fisica che ha lasciato indietro le donne, nella grotta, a badare al focolare ed alla pelosissima prole. 
Allora, e per diversi millenni successivamente, era il più forte dei due ad essere incaricato della caccia e degli approvvigionamenti.
Non che una donna non sarebbe stata in grado di arrangiarsi con archi e frecce (forse in effetti, le donne sarebbero state più organizzate, dal momento che, a quanto pare, sono tuttora migliori giocatrici di squadra rispetto ai loro colleghi maschi ...), ma quando si considerano le lunghe giornate, le miglia da coprire durante una battuta di caccia e le asperità dell'ambiente, allora probabilmente l'individuo fisicamente più forte si rivelava più adatto al compito. 
Inoltre, le donne possono nutrire i bambini dai loro corpi, così è inutile per un papà rimanere nella grotta se non c'è niente che scorre dai suoi capezzoli, anch’essi pelosissimi.... 
Quasi tutti i compiti importanti che garantivano la sopravvivenza, ruotavano attorno alla forza fisica, ed è stato naturale allora che gli uomini dovessero cacciare, lottare, arare, costruire. 



Questa impostazione è rimasta con noi fino a poco tempo fa, almeno fino alla fine del XIX° secolo e la comparsa delle Suffragette. 
Le donne non devono più rimanere nella grotta a prendersi cura di figli e focolare, perché non hanno più bisogno di un uomo che esca a cacciare. 
Vanno al supermercato a fare la spesa con i soldi che hanno guadagnato con il
loro proprio lavoro. 
Possono pagare qualcuno che badi al focolare, ai piccoli e, a volte purtroppo, anche ai mariti. 
Le donne sono alla pari con gli uomini in un mondo dove la forza fisica non è più una necessità assoluta per la sopravvivenza, ma il denaro e l’intelligenza lo sono. 
Ecco la fine dei ruoli tradizionali dei due sessi. Li abbiamo lasciati nella grotta. 
Ma credete che questi ruoli siano diventati obsoleti?
I sessi sono diventati obsoleti? 
Nella corsa evolutiva verso l'uguaglianza tra i sessi, stiamo forse tutti andando a fonderci in un qualcosa di nuovo ? 
Con sempre più famiglie che rompono lo schema convenzionale di 
'femmina/madre/nutrice/casa' contro 'maschio/padre/aprovvigionatore/lavoro', le generazioni future sarnno finalmente libere dalle debilitanti pressioni sociali legate al ruolo dei sessi? 
Mia madre sembrava pensare il contrario.
Secondo lei la società è destinata a 'morammazzarsi' a causa di questa rivoluzione interiore, ma io per primo credo che questa, lungi dal ledere la società, lasci spazio all’esplorazione del ‘sé’ come essere più completo. 
Lasciate che gli uomini entrino in contatto con quel lato di attenzione ed amorevole cura, che appartiene anche a loro, ma che hanno dovuto soffocare per paura di essere emasculati; lasciate che le donne esercitino l'ambizione e la determinazione che hanno dovuto soffocare per paura di essere lasciate fuori come donne ribelli che rifiutano di obbedire ai mariti. 




O bruciate come streghe. 

Eliminando i ruoli legati al sesso all'interno di una famiglia, creiamo un gruppo che funziona veramente come una squadra, dove uomo e donna sono alla pari e contribuiscono in egual misura. 
Una famiglia dove i bambini non crescono con i concetti prefabbricati di ‘cosa è appropriato per quale sesso’. 
Donne! Parlo con voi!
Avete mai mandato dei fiori ai vostri mariti/fidanzati? 
Ancora più precisamente, se doveste mai inviarne, pensate che ne sarebbero contenti o ne morirebbero di imbarazzo? 
Capite cosa voglio dire? 
Nel mondo in cui viviamo, un uomo non ha nemmeno il lusso di poter accettare dei fiori. Non credo per un secondo che qualsiasi uomo, in ogni livello di istruzione, non sia in grado di apprezzare un mazzo di fiori splendidamente confezionato.
Credo piuttosto che abbiano imparato a trattenersi dallo sbavare per certe frivolezze.
Perchè le palle sono in gioco. 
La situazione è questa: mentre gli uomini ancora si grattano la testa cercando di cogliere il grande cambiamento, le donne hanno figli, cucinano, puliscono la casa, si fanno belle, mettono i figli a letto e hanno la nuova libertà socialmente concessa di guidare la moto, il camion, correre la maratona, dirigere grandi imprese, costruire case e ed attraversare la Manica a nuoto. 














































Beate le donne perchè stanno vivendo il mondo indossando sia la gonna che i pantaloni. 
Questo è esattamente quello che mi auguro che gli uomini imparino a fare, senza timore di pressione sociale. 
UOMINI! Se è vero che questo è un mondo tutto al maschile, allora è anche vero che le sue leggi ora operano contro di voi! 
State perdendo colpi nella corsa all’evoluzione! 
Così eccomi qui ad indossare la metaforica gonna il più delle volte. 
Mi scuso se le mie gambe sono ancora troppo pallide lí sotto, ma dovevo iniziare da qualche parte. 
Una volta arrivati a viverlo, si scopre che il lavoro di una donna è in realtà il lavoro di chiunque ami qualcosa e vuol vederlo crescere. 
"Ma sai... Ahem... La nostra società impone che un uomo..."

ZITTI CRETINI! 
Basta stronzate! 
Basta scuse!
La società siamo noi!
E adesso filate a mettervi la gonna...
QF x 

(Nota dell'autore: questo post rappresenta un'illustrazione delle meccaniche inerenti alla maternità surrogata negli Stati Uniti e si basa ESCLUSIVAMENTE sulla mia esperienza personale. Cerco di dare un quadro onesto di cosa comporti un percorso del genere e volutamente ometto i toni romantico/melodrammatici o gli aspetti appartenenti ad un'etica che può essere più o meno personale. Apprezzo quanti di voi si sentano contrari alla maternità surrogata, ma ribadisco che questo post contiene informazione precisa e dettagliata su costi e pratiche che sono inevitabili e non vuol essere lo start-up di un dibattito su moralità, bioetica e diritti umani. Detto questo, la componente umana di tutto il procedimento è ENORME e FONDAMENTALE e vi invito a non sottovalutarla solo perché non esposta qui sotto.)


Salve a tutti!    (Read this post in english)

Con l'imminente "Alternative Family Show" in settembre, ho pensato di fare luce sulle  tribolazioni che alcuni di noi devono sopportare per raggiungere l'obiettivo finale di avere un figlio.
Mi è stato chiesto da uno degli organizzatori di scrivere un post contenente informazioni dirette e semplici sulla maternità surrogata e l’ovodonazione negli Stati Uniti, così come la ho vissuta io, con la speranza di poter aiutare altre coppie di aspiranti genitori, gay ed etero.
(Per maggiori informazioni sul seminario, visitate questo link:
http://www.alternativefamiliesshow.com/)
Quindi, dicevo, 'Una ricetta Di Famiglia'.
Mmmhh .... vediamo .... Come ogni ricetta, ognuno di noi ha un modo diverso di cucinarla, non tutti i gusti sono uguali, facciamo tutti delle piccole modifiche per assicurarci che il piatto finale sia un successo.
Mi limito a raccontarvi come noi siamo arrivati al piatto finale, in modo da fornirvi una migliore comprensione del lavoro e delle difficoltà del percorso.
Sto per parlarvi di una "maternità surrogata a triangolo", che differisce dalla  “maternità surrogata diretta" nel fatto che la madre gestazionale non è la madre biologica, ma si ricorre  all’ovodonazione di terze parti. 
In definitiva questo tipo di maternità surrogata, semplifica molto le legalità per i futuri genitori, dal momento che la mare gestazionale non ha alcun legame genetico col nascituro.
Maternità Surrogata all'Estero, Ingredienti Principali:
Un'Agenzia affidabile di maternità surrogata: nel nostro caso, abbiamo fatto qualche ricerca online e optato per i servizi di CSP (Center for Surrogate Parenting). Hanno una sede a Encino, California, Los Angeles ed un altro ad Annapolis, nel Maryland. Quest’ultima sede è sicuramente più adatta per coppie europee, in quanto è più vicina e aiuterà con la spesa per i voli a lungo andare.
Dal momento che noi siamo una coppia gay però, abbiamo trovato più rassicurante lavorare in California, dove le leggi riguardanti la maternità surrogata sono più indulgenti ed il sistema è in generale più favorevole alle famiglie omosessuali che altrove negli Stati Uniti.
Il compito principale dell'Agenzia è quello di mettervi in contatto con potenziali mamme-surrogato. Ora, state tranquilli, secondo il modus operandi di CSP, non otterrete MAI di poter scegliere un surrogato.
È infatti lei che sceglie la coppia.
Lo fa con l'aiuto del 'portfolio di coppia' che dovrete mettere insieme.
Il portfolio è creato in forma di libretto, più o meno artistico, a secondo della sensibilità e gusto della coppia, dove si parla di voi come coppia, della vostra vita, le vostre rispettive famiglie e così via.
Il profilo deve assolutamente includere delle foto! L'agenzia richiede di produrre almeno 5 copie che saranno inviate a tutte le candidate a diventare la vostra mamma gestazionale (anche se i candidati veri e sono proprio i futuri genitori...). 
Poi si aspetta.
Nel nostro caso, abbiamo presentato il nostro portfolio nel settembre del 2007 e già da novembre abbiamo ricevuto una proposta da un surrogato candidato dell'Illinois. 
Dopo aver consultato il nostro avvocato però (ve lo presenterò più tardi), siamo stati informati del fatto che le leggi che governano la maternità surrogata in Illinois non sostengono le famiglie gay, pertanto ci è stato consigliato di lasciarla andare. Così abbiamo fatto.
Poi, nel febbraio 2008, siamo tornati di nuovo a Los Angeles per incontrare il nostro secondo aspirante surrogato , una bella signora di Los Angeles. 
Bingo! :0)
Altre cose che dovete sapere circa il lavorare con questa agenzia sono:
-Dovrete pagare mensilmente una consulente psichiatrica che 'segue' l'intero processo ed è lì per dare consigli (la nostra ci ha solo fatto incazzare, dal momento che era totalmente distaccata dalla realtà e dai nostri bisogni ed apprensioni di aspiranti genitori, in balìa di tante persone dall’altra parte dell’oceano... Rendo?). 
La consulente segue anche il surrogato in tutte le delicate fasi della gestazione e si assicura che il benessere psicologico del surrogato è rispettata da tutte le parti. L'intenzione è buona. Nel nostro caso, ci saremmo potuti risparmiare un bel po’ di dollari. Ma vabbè.
-Dovrete depositare una quantità abbastanza ingente di denaro nel conto bancario dell’ agenzia, creando così un fondo finanziario da cui tutto verrà pagato (fatture mediche del surrogato, le spese di viaggio per ogni check up, il pagamento mensile per l’obbligatoria assicurazione sanitaria, i costi di farmaci e procedure mediche e alla fine la quota del surrogato).
-La quantità di fondi che l’agenzia richiede è solo indicativa. Molteplici tentativi di ottenere una gravidanza risulterà in più medicine e più spese mediche. No è inconsueto dover rifornire il conto ad un certo punto. 
-Come coppia proveniente dall’estero abbiamo cercato ripetutamente di ottenere informazioni circa luoghi di soggiorno, alberghi, vicinato e le potenziali difficoltà legali che portare a casa il bambino avrebbe potuto comportare.
Nessuna di queste richieste sono state mai soddisfatte con una risposta da parte dell'agenzia. 
"È ancora troppo presto" o "Non siamo a conoscenza di eventuali problemi con l'immigrazione ...  Ad ogni modo, quando è il momento vedremo cosa fare..". 
Questo atteggiamento ci ha lasciati abbandonati a noi stessi, con un bambino appena nato e solo 3 settimane per risolvere tutte le pratiche necessarie per portarlo a casa. Praticamente un inferno!
Tutto ciò che abbiamo scoperto, lo abbiamo fatto da soli. Compresa l'assicurazione sanitaria senza la quale negli Stati Uniti non si fa niente. 
Ma proprio niente!!
Assicurazione sanitaria che copre la maternità surrogata: ora, questa è difficile. L'agenzia non aveva idea di cosa suggerirci dal momento che eravamo una coppia estera. 
Fortunatamente l’assicurazione personale del surrogato (MRMIP) avrebe coperto lei e la sua degenza in ospedale (risparmiandoci il dover pagare per un’assicurazione parallela alla sua che avrebbe dovuto essere in atto da almeno 10 mesi pre-parto per garantire il pagamento delle procedure mediche... Un casino....), ma per il nostro bambino abbiamo dovuto sottoscrivere con un altro assicuratore sanitario per coprire i suoi primi 90 giorni negli Stati Uniti. 
Siamo andati con Bupa International, ma ora hanno smesso di offrire copertura per maternità surrogata, quindi davvero non so cosa suggerirvi. Qualcuno ci ha parlato di Lloyds of London, ma è necessario controllare.
Tenete a mente, l'assicurazione sanitaria è di fondamentale importanza e, se non la avete, i costi possono essere molto, molto alti. 
(Sappiamo di una coppia che si è ritrovata a dover sborsare $ 250,000 per l’ospedalizzazione dei loro gemelli nati prematuri...). 
Inoltre, la maggior parte degli assicuratori vi chiederà che la polozza sia in atto per un periodo minimo di almeno 10 mesi prima della nascita del bambino.
Così, non appena iniziate il percorso, a volte anche mesi prima di raggiungere una gravidanza (perché ovviamente non saprete quando succederà ...), assicuratevi di attivare una polizza che copra i bambini nati attraverso la maternità surrogata. Non si può fare a nome del  bambino, dal momento che lui/lei non è ancora nato e tecnicamente non esiste, quindi si dovrà fare a nome vostro  assicurandovi che coprirà anche il vostro bambino nato tramite maternità surrogata.
Steven ha finito per avere due assicurazioni contemporaneamente, quella che ha normalmente tramite il lavoro e quella necessaria per il bambino. 
Roba da matti.
Un affidabile agenzia di Ovodonazione: nel nostro caso, dopo due tentativi falliti con la nostra prima agenzia (EDI, Egg Donor Inc.), abbiamo utilizzato i servizi di EDSI (Egg Donation and Surrogacy Institute), i cui uffici sono a Los Angeles. 
Abbiamo incontrato la nostra donatrice attraverso EDSI.
Nota: per quanto riguarda l’ovodonazione devo sottolineare quanto segue.
Potrebbe sembrare a voi, aspiranti genitori, che la vera battaglia sarebbe quella di trovare una madre surrogata, ma in realtà, la vera difficoltà sorge quando si avvia la ricerca di una donatrice di ovuli.
Sì, è vero, troverete comodo il fatto che la maggior parte delle agenzie di ovodonazione posseggono un database online di informazioni sulle donatrici che, una volta effettuata la registrazione, è possibile scrutare a sazietà.
Spesso però, la ragazza su cui riversate tutte le vostre speranze, magari non è disponibile, non è idonea alla donazione o totalmente diversa dalle foto quando si incontra di persona (se si vuole. Noi abbiamo insistito per incontrare tutte le nostre candidate, lo abbiamo ritenuto fondamentale). 
Per non parlare delle truffe delle modelle, ragazze di bell’aspetto in posa sul website solo per attirare i clienti!
Uno schifo, ma c'é sempre uno sciacallo pronto a monetizzare sui drammi altrui.
Nel nostro caso, la prima donatrice, dopo aver pagato per lo screening genetico (sì, dovrete pagarlo voi, dal momento che nessuna delle ragazze viene con la garanzia di non essere affetta da problemi genetici .....), è diventata inadatta alla donazione dal momento che le sue ovaie hanno risposto male alla stimolazione ed erano diventate policistiche. Succede. 
Quindi abbiamo dovuto cancellare il ciclo e, siccome noi non volevamo aspettare un altro anno perchè la condizione si normalizzasse, abbiamo dovuto pagarle la compensazione contrattuale per ‘ciclo interrotto'.
La seconda donatrice non ha funzionato perché dallo screening genetico si è scoperta la presenza della ‘Sindrome della X Fragile’ nella sua famiglia .
Un altro crepacuore ed altri sei mesi di attesa.
Abbiamo quindi cambiato agenzia e, grazie alla EDSI, abbiamo trovato la nostra donatrice perfetta.
Vi suggerisco vivamente di inziare la ricerca della vostra donatrice presto. Datevi più di un’opzione...
Non mettete tutte le uova nello stesso paniere! (Scusate, non ho saputo resistere .....)

-Un buon avvocato specializzato in embriologia e le legalità che governano la maternità surrogata. Abbiamo utilizzato i servizi di Andrew Vorzimer, di Vorzimer Massermann, ad Encino, Los Angeles.
Non date per scontato che l'avvocato che scegliete sappia assolutamente tutto sulla legge che regola l'immigrazione nel vostro paese. 
Il vostro bambino avrà bisogno di tutti i documenti di viaggio in modo da riportarlo a casa! Investigate, parlate con il consolato del vostro paese a Los Angeles, fate domande e siate pronti per le complicazioni. 
Io vi consiglio di utilizzare i servizi di un’agenzia per la velocizzazione delle pratiche relative al passaporto.
Queste agenzie hanno accesso diretto agli uffici consolari e, purché si disponga di tutti gli incartamenti necessari, possono procurarvi tutti i documenti di viaggio entro pochi giorni per una cifra relativamente bassa.
-Un chirurgo specializzato in embriologia e medicina riproduttiva: Abbiamo usato uno dei migliori a Beverly Hills, il dottor Mark Surrey, presso il Centro di Roxbury Drive. Si occupa della fecondazione, del trasferimento degli embrioni e del primo check up (di solito tutti gli altri check up vengono effettuati presso l'ospedale...).
Per quanto riguarda l'ospedale e la levatrice, il surrogato di solito sceglie un ospedale che  le rimane comodo e abbastanza vicino a casa ed un’ ostetrica ed un chirurgo che magari conosce o con cui ha lavorato in precedenza. 
È davvero la sua scelta.
A partire dal check-up del terzo mese, tutto il successivo monitoraggio sarà effettuato in ospedale e non più presso la clinica di embriologia che avrete scelto voi.
-Un conto bancario americano:Non è necessario, ma è consigliabile e conveniente.
Aiuterà moltissimo a velocizzare le cose, specialmente quando le medicazioni vengono rilasciate solamente dietro pagamento e i pagamenti internazionali possono richiedere giorni per essere completati. Non avrete tempo da perdere, vedrete....

Gli ingredienti principali sono tutti elencati sopra, ma c'è molto di più coinvolto nel percorso.
I soldi per esempio!
Ogni partito di cui sopra richiede la vostra sottoscrizione ai loro servizi ed il pagamento di una parcella. Subito.
Noi, tra una cosa e l'altra, siamo andati a Los Angeles otto volte nel giro di due anni. Il che costa denaro. 
L'hotel, il viaggio da e per l'ospedale per i check ups (un'ora e mezza di auto fuori da Los Angeles, il Loma Linda Hospital). 
Aggiungete al costo di farmaci, procedure, pratiche d’ufficio.
Infine, il costo delle tre settimane dopo il parto che abbiamo dovuto passare in California. Sono costate soldi.
Se dovessi fare una stima di quanto penso avrete bisogno, potrei solo dirvi che avrete bisogno di più di quanto pensate. 
Le cose possono andare male, i tempi possono allungarsi e i fondi bancari a volte spariscono prima di arrivare al traguardo. 
Datevi sempre un buon margine.
Assicuratevi di controllare e ricontrollare con tutte le parti coinvolte, sia le fatture che le stime, non cercate di accorciare le cose.
Non abbiate paura della montagna di scartoffie che vi aspetta ogni sera a casa.
Ed è una vera montagna.
Ricordate sempre che siete in un paese straniero, che potreste non conoscere a sufficienza ed è preferibile essere sicuri ed informati, piuttosto che preoccupati ed impauriti quando vi dovreste godere i primi momenti da genitori. 
Fidatevi di me, io ci sono passato!
Tutti i miei migliori auguri di buona fortuna in quella che sarà sicuramente la cosa più grande che potrete mai fare nella vostra vita.
Con Affetto
QF x
P.S.
Ovviamente, quanto sopra è un prodotto della mia esperienza con la maternità surrogata negli Stati Uniti. 
I miei consigli sono validi solo se state pensando di avere un bambino surrogato negli Stati Uniti. Devo aver omesso alcune cose, ma non esitate a chiedere ciò che vi viene in mente e farò del mio meglio per rispondere.