Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale


Ma voi ci potete credere che tra tre settimane è di nuovo Natale? 
Voglio dire, proprio adesso che son riuscito a trovare posto per tutta la smarronata di giocattoli che ho in giro per casa devo prepararmi per un’altra ‘consegna’? 
Non sto esagerando, sarò pure una regina, ma non vivo a Buckingham Palace, diciamo che il nostro appartamento si è trasformato in una succursale di 'Toys 'R Us' da un paio d'anni a questa parte... 





Se pensate poi che il piccolo Fürer è nato a giugno e Daddy è un 'serial shopper', vi fate l'idea: io ogni sei mesi devo giocare a Forza Quattro coi mobili di casa per far posto a orsetti di peluche, scatole di costruzioni e l'immancabile aggiunta al mondo di Thomas il Trenino ( maledetto sia chi l'ha inventato... Lui e tutti i 4000 personaggi nuovi che continuano a sbucare fuori ad ogni episodio, così non li hai mai tutti e ne devi sempre comprare un paio che ti mancano e buttare dalla finestra le sedie del salotto che sennò la rotatoria ferroviaria non ci entra.... ).



Ma chi cazzo li inventa 'sti personaggi? No no... Non ditemi balle... Questa è l'opera di una mente diabolica. 
Non si spiega che tutti i maschietti del Regno Unito siano così ossessionati da Thomas e compagnia bella.
E tutto il merchandising!!! Pensate che io compro pure gli yogurt di Thomas!!!! 
Neanche fossero al gusto di treno!
Secondo me mettono dei messaggi subliminali durante la programmazione. Delle immagini che sfuggono all'occhio ma che vengono percepite dal cervello. Ovvio, dal cervello degli altri perché il mio è totalmente refrattario a qualsiasi cosa che fischia e fa 'choo-choo'.
Imbecilli.




Facessero un bell'episodio di Thomas che viene rapito e portato dallo sfasciacarrozze dove viene smantellato e i pezzi vengono venduti allo stracciarolo di turno....
No ma che palle.
Vi rendete conto che Babbo Natale lascia mio figlio per ultimo perchè dopo aver scaricato da noi generalmente gli viene l’ernia al disco ed ha bisogno di riposare fino al prossimo anno?
Beh, sappiatelo. 
Non dice mai di no, questo è vero, anche se finisce con l'attaccare quelle povere bestie di renne ad un tir.
Però secondo me da quest’anno inizierà a mandarmi le fatture del fisioterapista.
Pure lui non ha torto.
In fondo una certa età ce l’ha (che avrà... 500...600 anni, ma ne dimostra appena 70...), e poi non è che sia esattamente un fuscello.  Colpa anche di tutti i cicchetti che si fa ad ogni fermata.... Un goccetto qui... Un goccetto lì... Tutti i bambini quassù gli lasciano qualcosa da bere e mangiare ed è un miracolo come per tutti questi anni sia sfuggito alla cirrosi epatica ed al diabete. 




Avoglia a stringere quel cinturone nero per sembrare più snello. Io glielo direi pure che il velluto rosso bordato di pelliccetta bianca inquarta una cifra, ma si vede che lui è un tradizionalista. 
Ed è pure etero poi, perché se fosse stato gay come minimo avrebbe indossato un completo di Tom Ford e si sarebbe fatto la barba. 
Fatto sta che anche Babbo Natale ultimamente non ci sta capendo più una ceppa e sta perdendo colpi.
Un paio di anni fa ci son dovuto andare io sul tetto di casa con la mazzetta a spaccare il comignolo che gli era rimasto incastrato intorno alla vita. Non vi dico che paura alle due del mattino sentire tutto quel bordello là fuori. Io pensavo fossero i ladri. Invece chi ti trovo, mezzo dentro e mezzo fuori dal comignolo di casa mia?
E poi un freddo della madonna.
“Ma non potevi mandare Gesù Bambino scusa? Lui almeno nel comignolo ci passa! Pure tu fatti furbo no?” gli faccio io passandogli un bicchierino di brandy per riattivargli la circolazione al viso, già bluastro.



“Hai ragione bambino mio..” (per lui siamo tutti bambini, altra cosa da ricordare...), “ma sai, ultimamente abbiamo inziato a dividerci per zone... Siamo io, Gesù Bambino e Santa Lucia... Quest’ultima non è poi che ci veda tanto bene... Si fida di più del fiuto del suo asinello che del Tom Tom che gli ho regalato anni fa. Poveraccia, avoglia a cercare i comignoli sui tetti di Milano con la nebbia... In genere me la riportano a casa il giorno dopo i vigili del fuoco, tutta intirizzita ed irrigidita dal freddo che per farla sedere le devo piegare a forza le gambe come fossero quelle di Barbie... 'Asino imbecille! Io glielo dicevo che al Duomo non ci dovevamo passare... Solo dimore private! Pure la denuncia per vandalismo mi ha fatto prendere e adesso c'è un sacco da mezzo quintale di Gormiti sparpagliato per tutta la navata centrale...' La poveraccia però ci prova, è assidua..." mi diceva il barbuto e rubicondo signore con un'espressione di velata tristezza “Voglio dire, con 7 miliardi di persone in giro mica posso far miracoli.... Quelli li fa solo Gesù, infatti è quello che finisce il giro delle consegne per primo, io solitamente finisco secondo e Lucia, se non si perde con l'asino da qualche parte, arriva terza... Un lavoraccio!”



“Lavoraccio? Ma perdonami l’impudenza, da quello che ci hanno abituato a credere sembra come se fosse il lavoro più figo dell’universo! Tutto un allegro mix di folletti, renne, stelline, magia e neve.... E poi dai, la slitta volante ha il suo perchè... Copriti gli occhi un secondo che assesto un’altra mazzata e non ti muovere... Non voglio passare alla storia come quello che ha accoppato Babbo Natale...” rispondo io in tono risoluto.
“Marco, piccolo mio, una volta erano bambole di pezza, barchette di legno e qualche dolcetto... Al massimo ci chiedevano il fortino di cartone coi soldatini ed un set di pentoline di latta... Ma hai visto oggigiorno che cosa chiedono i bambini? Playstations, Laptops col DVD burner, Ipods, Ipads, Iphones, Nintendo Wii e poi le Bratz, le Winx, bambole che cantano, parlano, ballano, escono di casa la notte e tornano ubriache peste.... Immagina che tre quarti dei miei elfi hanno dovuto prendere la laurea in ingegneria, robotica e astrofisica solo per saper dove mettere le mani.... E poi finiscono col chiedermi l’aumento sotto minaccia di mollare tutto ed andare a lavorare per la Mattel.... Capirai, coi tempi che corrono poi si stupiscono che li faccio lavorare in nero...” Babbo Natale concluse scuotendo la testa.
"Ma lo spettacolo deve andare avanti!" continuò "A volte è come se le brutture ed i problemi del mondo ti si stringessero intorno sempre di più... Come se tutte le malattie del vivere adulto arrivino a soffocare l'eccitazione, la magia, l'anticipazione.... È per questo che mi do da fare... I bambini son facili da impressionare e convincere, gli adulti un po' meno, e appena sgarri un attimo ecco che ti arrivano le lettere di lamentela:
'Egr.Sig. Babbo Natale,
la bambola che ha portato a mia figlia non è conforme alle normative della CEE e presenta un tasso elevato di piombo nella vernice del viso. Il cordoncino del telefono parlante è ben 10cm al di sopra della misura approvata dall' Ente Mondiale della Sanità e mia figlia ha già provato due volte a strozzarci il fratellino.
Inoltre le ricordo che è vietato parcheggiare bestiame nel cortile condominiale, e non ci provi a discolparsi in nessun modo, perché gli escrementi di renna trovati (analizzati dalla Forestale)sono un chiaro indice che lei è il responsabile. Attendo una sua risposta ed una sua tempestiva visita per raccogliere i giocattoli fallati e rimpiazzarli con articoli appropriati. La pulizia del cortile è già stata effettuata e la fattura con l'importo da pagare è in allegato.' "




Mamma mia che merde che siamo. Ingrati. Avidi. Viziati. E che figli cresceremo?
Neanche un briciolo di rispetto per quel brav'uomo che ci ha regalato tante emozioni da piccoli.
Io la cacca delle renne gliela raccoglierei con le mani.
"Dai, non mi fare la vittima adesso e preparati..."  gli tolsi il bicchierino di brandy ormai vuoto dalla mano e gli passai la bottiglia.
“Fatti una bella ciucciata che con quest’ultima mazzata se non ti giochi due costole è grassa...” ed accostai un altro colpo all’ultima fila di mattoni rossi che ancora gli strizzava la vita.
CRASH!
Babbo Natale era libero.
Il viso ancora contorto dal panico stava riprendendo colore mentre continuava a massaggiarsi il fondoschiena.
“Ta-dah! Finito!” esultai asciugandomi la fronte madida di sudore quasi congelato.
“Oh! Oh! Oh! Grazie bambino mio! Se per te va bene il prossimo anno lascio tutto qui sul terrazzo... Scusami per il disturbo...” ed indicò la montagnola di macerie che avevo prodotto nel mio intervento di soccorso, “Ovviamente rimettiamo tutto a posto noi... Non ti preoccupare...” e facendomi l’occhiolino fece un cenno verso la slitta che galleggiava a mezz’aria, da dove un paio di elfi non più alti dei suoi stivali si precipitarono a ricostruire il comignolo fracassato con una velocità incredibile canticchiando 'Jingle Bells' con due vocine da elio-dipendenti.



“Ma scusa eh... Invece di far prendere la polmonite a me e rischiare di finire su una sedia a rotelle a colpi di mazzetta non potevi dire a loro di aiutarti?” chiedo io mettendomi le mani sui fianchi tutto indispettito.
“Bimbo mio, gli elfi son fatti per costruire, non per demolire... Buon Natale piccolo mio e grazie...” e così dicendo mi dette un bacio sulla fronte, saltò sulla slitta con l’agilità di un cerbiatto e sparì nel cielo notturno in una nuvola di stelline luccicanti.
I due ometti intanto si litigavano l’ultimo mattone rimasto da rimettere a posto ed una volta finito il lavoro, anch'essi si dileguarono in uno scoppiettare di scintille.


Povero Babbo Natale. Non si da mai per vinto. 
Grazie a te ed a tutti quelli che si ostinano a preservare la magia del Natale.
Tutto ciò che c'è di buono al mondo è frutto dell'impegno di gente veramente eccezionale.
Pensiamoci ogni tanto e non diamo nulla per scontato.
Lasciamoci contagiare dall'entusiasmo e dai sogni di chi ne ha più di noi e non perdiamoci dietro alle immancabili cacche di renna.
Il giorno in cui quelle persone si stancheranno di fare quel che fanno, la terra diverrà un posto molto più triste.




Photobucket

8 comments:

naza said...

'Lasciamoci contagiare dall'entusiasmo e dai sogni di chi ne ha più di noi e non perdiamoci dietro alle immancabili cacche di renna.'

mamma mia che bella cosa! finalmente sento qualcuno di positivo che non si nasconde dietro ai soliti 'odio il natale, mi fa tristezza o cose così'...mi hai rallegrato la giornata!! :) non ne potevo già più di sentir lagne e negatività oggi. grazie!!!

e poi 'gli elfi son fatti per costruire, non per demolire...' secondo me è una genialata ;)

Owl said...

Bello bello e bello :-)))

p.s. anche qui trenino thomas... ma quello che odio più di tutti e manny tuttofare. Giuro se trovo un modellino in scala naturale potrei mettergli le mani al collo!

Mammamsterdam said...

noi a suo tempo abbiamo scelto per un sistema, Lego, e tenuto fuori tutto il resto. Abbiamo pure la lavastoviglie di casa Lego, ma almeno ci fai tante cose. E lascia perdere thomas e spegni la TV e compra invece i giocattoli Capsela. Sono la fine del mondo e se ti si rompe l' aspirapolvere il pupo te la ricostruisce con i pezzi.

desian said...

Buongiorno. Come primo commento su questo blog "mi tocca" prendere le difese di babbo natale?! No, non è da me. Però che tristezza un natale senza un misero pacchetto da scartocciare (uno?!... centomila!)... E poi vuoi mettere una bella rotatoria ferroviaria in salotto: eh le son soddisfazioni!!! :)

mammapappa said...

bello ciò che hai scritto. e ti dirò... io prima di avere i figli il natale l'avevo cestinato, per tanti motivi, soprattutto la perdita di persone care. Dall'anno scorso invece lo festeggiamo e più la nanetta cresce più ho voglia di tasmetterle le emozioni che provavo da bambina.
P.S. Ma chi è sto treno Thomas???? Sono cosi ignorante!!Mo lo cerco su google.
Baci

biancamora said...

Rotolo dal ridere!!! :) Una fantasia sfrenata non c'è che dire! ;)
Io per quest'anno temo l'arrivo dei regali, primo perché i figli da uno son passati a due, secondo perché il parentame è infinito e terzo perché mia figlia con la scusa del "non facciamola ingelosire" ha un Natale che dura già da più di un mese dall'arrivo del fratello.
Che dici, Babbo Natale passa anche a prendere qualcosina così facciamo un po' di spazio? :)

Comunque bellissimo blog! Lo seguo da un po' e soprattutto... Non vedo l'ora di avere gli ingredienti per fare la tua torta di banane! (Dire non ho banane sufficienti fa un po' brutto... ;) )

economistapercaso said...

...a morte thomas il trenino (ma anche la casa di topolino, per quanto mi riguarda!!!)

The Queen Father said...

@Naza, sempre carina... Si si dai... Un po' di sano ottimismo fa bene a tutti!!

@Owl, in realtà a me piace di più Manny di Thomas.... Sarà che riesco ad immedesimarmi più in un tuttofare che in un trenino parlante... È il mio limite..... ;0)

@Mmmamsterdam, Capsela eh? Lo googolo subito!! Fosse la mia salvezza..... x

@Desian un uomo!!! Che onore! Iela avemo fatta a rompe 'sto ghiaccio eh? Tremate mamme bloggers, i papà sono alla riscossa!!! ;0)

@Mammapappa, i figli sono la nostra rovina e la nostra salvezza... Le sconvolgenti dualità della vita!!! ;0)

@ Biancamora, poi mi scrivi per dirmi com'è venuta?

@Economistapercaso, state bboni che le molotov le porto io.....

E niente, grazie del vostro passaggio, come sempre... Adesso mi preparo per l'intervista in diretta lunedì su radio R101 con Vladimir Luxuria !!!! Stay Tuned!!!

TQF xxx