Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale



Ciao mamme, papà e ladri di bambini....


Oggi ho un rospo in gola che non va né su né giú... Mi tocca sputarlo fuori.

Siete pronti?


In Tennessee hanno messo un divieto sulla parola 'gay' nelle scuole ed un bel bavaglio agli insegnanti per impedire loro di parlare di omosessualità prima del 9th grade, che corrisponderebbe alla nostra terza media, più o meno.


A tutto il Tennessee io allora dico: bene!

Vai cosí!

Capisco il vostro processo mentale. Davvero. Giuro.

Dopo tutto, tutti vogliamo proteggere i nostri bambini da ciò che percepiamo come un attacco alla loro innocenza...

Anche quando l'innocenza è considerata sinonimo di ignoranza.


Caro Tennessee, affermi che il divieto della parola 'gay' è solo per la prevenzione del bullismo e quindi per la 'protezione' ed il 'benessere' della comunità LGBT e dei suoi bambini.

Grazie Tennessee!

Ma non credi che sia proprio permettere agli insegnanti di parlare di omosessualità in maniera positiva e non di parte, l'unica cosa che sarebbe davvero di aiuto?

E non hai invece ‘bombato’ questa possibilità?

Scusa eh Tennessee, ma sei mica stupido?


Perdonami se penso che le tue 'buone intenzioni' sono solo un'altra pietra che pavimenta la strada per l'inferno.

Ok, forse in questo caso si tratta di uno snodo autostradale intero, con i semafori e tutto.

Quindi, permettimi di fare i seguenti suggerimenti.


Insieme con il divieto di parlare di 'omosessualità' in generale ed alla parola 'gay' in particolare, possiamo applicare il divieto di parole come 'Palestina' o 'Israele' e anche di temi come 'guerra' e 'violenza'?

Sarai d'accordo con me che queste parole evocano immagini che sono molto più raccapriccianti di un paio di uomini che pomiciano.


Ahò, mica ti devi fidare di quello che dico io sa? Fai il ‘The Queen Father shock-test’!



Scioccante dici? Non esporresti mai un bambino a questa immagine né useresti mai parole o parleresti di tematiche che potrebbero portare questa scena alla mente?

Benissimo!

Ma come si confronta con questa altra immagine?



E se dovessi scegliere una di queste due immagini da mostrare al tuo bambino, quale sceglieresti?

Scommetti che indovino?


Scommetti anche che useresti queste parole per riparare allo shock che la foto avrà sucitato? "Guarda cosa sta succedendo in questa foto... Questo è male! La guerra è male! Molto male! Gli esseri umani dovrebbero amarsi e rispettarsi l'un l'altro! ".


Eppure hai gettato la prima immagine nel cestino.

Che bell’esempio di amore e tolleranza....

Ipocrita!


Perché dovresti tenere i tuoi bambini all’oscuro della varietà di amore, famiglia e relazioni, ma comprare loro pistole-giocattolo e videogiochi in cui si ottengono 100 punti per aver fatto esplodere a revolverate la testa di uno zombie?

È forse il timore che, parlando con loro di omosessualità, li potresti contaminare indirettamente trasformandoli in froci?


E come mai che la loro esposizione alla violenza nei giochi, programmi televisivi e vita quotidiana non ti preoccupa minimamente?

Te lo dico io come mai.


La dura realtà è che ti sentiresti più orgoglioso se tuo figlio di 21 anni si guadagnasse la vita facendo saltare a suon di pallettoni le teste del nemico in Afghanistan, piuttosto che se andasse davanti al giudice per sposare il suo ragazzo.

Ma ripeto, non mi sorprende. Il sesso e la sessualità sono un tabù ENORME e la violenza semplicemente non lo è.


Non è mai stata.


Questo perché ti sei sempre sentito più a tuo agio a parlare ai tuoi figli degli orrori della guerra, piuttosto che dell'amore che unisce questi due uomini che si baciano.

Ho ragione?


Certo che sí.


Secondo te il sesso corrompe e la violenza no.

Guardacaso, Tennessee, sei uno degli stati col più alto indice di crimini da arma da fuoco negli Stati Uniti, e ti sei così abituato a questa realtà, che non pensi neanche che sia una minaccia per l’innocenza dei tuoi figli. Tu piuttosto preferisci pensare che l'omosessualità lo sia.

E questo dice molto sulla natura umana.


Correzione: la dice lunga sulla natura di alcuni esseri umani.


Forse sto parlando a vanvera (...ma quando mai?), ma Tennessee, datti una svegliata!

Parlando in maniera appropriata del mondo là fuori, nella sua diversità, bellezza ed armonia, non può che contribuire alla costruzione di menti capaci di rispetto, amore e tolleranza.

Le stesse menti che, si spera, un giorno sceglieranno di rifiutare tutto ciò che potrebbe minare tali valori.

Come un invasato con la pistola o un divieto all’informazione.





QF





P.S.

Ho bisogno di sottolineare il fatto che ho scelto le parole 'Palestina' e 'Israele' non per chissà che motivazione politica, ma semplicemente perché queste due realtà sono diventate una parte così integrante delle notizie internazionali nella nostra storia recente da risultare quasi invisibili ai nostri occhi nel loro orrore.

La violenza e gli omicidi di massa sono lo spettacolo permanente a cui ci stiamo purtroppo abituando.

Ma, che ci crediate o no, quella un tempo era una terra pacifica, così come, che ci crediate o no, in Tennessee, nel 2011, 'gay' è ancora una parolaccia a cui nessuno riesce ad abituarsi.




Hello mummies, daddies and baby-snatchers....

Today I REALLY need to rant about Tennessee putting a ban on the word ‘gay’ in schools and the ‘gagging order’ imposed to teachers to prevent them from talking about homosexuality before 9th grade.


To Tennessee I say: fine!

Go for it!

I understand your mental process. I really do.


After all, we all want to protect our children from anything we perceive as an attack to their innocence...

Even when innocence is considered to be synonym of ignorance.


You claim that the ban on the word ‘gay’ is solely for the prevention of bullying and therefore for the ‘protection’ and the ‘welfare’ of the LGBT community and its kids. Thank you Tennessee!

But isn’t allowing the teachers to talk about homosexuality in a positive and non-biased way, the only thing that would really help?

And didn’t you put a stopper to this as well?

I’m sorry Tennessee, but are you stupid?


Forgive me if I think that your ‘good intention’ is just another stone paving the road to Hell.

Ok, maybe in this case it’s an entire freeway junction, with traffic lights and everything.

So, please allow me to make the following suggestions.

Along with a ban on ‘homosexuality’ as a topic and the use of the word ‘gay’, can we enforce a ban on words such as ‘Palestine’ or ‘Israel’ and also on discussing the topics of ‘war’ and ‘violence’?

You’ll agree with me that these words conjure up some images that are far scarier than a couple of men kissing.

Don’t take my word for it, take "The Queen Father’s shock-test"!




'Shocking' you say? You would never expose your kid to this image or to any words or teachings that might bring it to mind? Fine! But how does it compare to this other image?



And if you had to pick one of these two images to show your kid, which one would you choose?

I bet I can guess and I bet that you would follow that sad ‘flash-card’ with these words “See what is happening in this photo? This is bad! War is bad! Very bad! Human beings should all love and respect each other!”.


And yet you’ve thrown the first picture in the bin. How’s that for love and tolerance?

Hypocrite!


Why would you keep your children oblivious about the variety of love, family and relationships, but buy them toy-guns and video-games where you get 100 points for shooting a zombie in the head?

Is it the fear that by talking to them about homosexuality you would indirectly ‘contaminate’ them and turn them into fags?


And how come that their exposure to violence in games, TV programs and day-to-day life doesn’t worry you in the slightest?

I tell you how.


The hard fact is that you would feel much prouder if your 21 year old boy (..or girl..) was to make a living blowing up enemies’ heads in Afghanistan, rather than if he (or she..) was to walk down the aisle to marry his boyfriend (or girlfriend...).

But then again, I am not surprised. Sex and sexuality are HUGE taboos and violence simply is not.


It’s never been.


That’s because you’ve always felt more at ease talking to your kids about the horrors of war rather than the love that makes those two men kiss each other.

Am I right?


Of course I am.


Tennessee has one of the highest firearm-related crime in the US, and you are getting so used to it, that you don’t even think it’s fucking your children up.

You rather think that acknowledging homosexuality will.

And that does say a lot about human nature.


Correction: it says a lot about the nature of some humans.


Perhaps I am speaking out of line, but, folks of Tennessee, get your fucking priorities sorted out!

Speaking appropriately about the world out there, in its diversity, beauty and harmony, can only help towards building future minds capable of respect, love, appreciation, tolerance.

The same minds that will hopefully choose to reject anything that could undermine such values.

Like a gun-toting freak, or a gagging order.


Peace out.





QF





P.S.

I need to point out the fact that I chose the words ‘Palestine’ and ‘Israel’ not out of any private political agendas, but simply because these two realities have become such an integral part of international news in recent history as to become almost invisible to our eyes.

Violence and mass murder are the permanent fixture we are getting used to.

But, believe it or not, once upon a time that was a peaceful land, and believe it or not, in Tennessee, ‘gay’ is still a dirty word nobody can get used to.