Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale



Beep..... Beep.... Beeeeeeeeeeeeeeee
Every time I watch ‘Bridget Jones’ Diary’ on TV, it makes me want to write about my sentimental misadventures.
Obviously I have to make cuts, otherwise we’d be here until 2012 and I have shopping to do before the world ends...
But it all began at 16 with my first girlfriend! Yes! Well, I confess!
The first man I ever kissed was a girl.
Things were a little complicated when I discovered that in fact, while snogging her face off (and we did snog with extreme frequency ...), I always imagined kissing Clayton Norcross, the blonde, buff guy from 'The Bold and the Beautiful'.
I do not want to disrespect my ex-girlfriend, but touching her breasts, squeezing her against me, kissing her on the neck.... It did nothing for me.


Zero. 
Flat line. 
Flogging a dead horse.
But if I thought of Clayton.....
After 5 months we broke up, as three in a relationship is always too many. At least for me.
Then came girlfriend number two, I was already 18 years old and she was really pretty. At the insistence of a friend we had in common (like: get together so we can all hang out as a group of couples...), I said to myself, 'Let's try ..... Better than being the only single guy in the gang....', and so I threw myself into this little adventure, which lasted just one summer.
It all felt to me like some kind of farce, as I couldn’t care less and  was frightened at the idea of being alone with her, in case she made moves to get into my pants.
Then one day she came out of hers.

While making out on the wall of the village church, her sitting on the wall with her legs around my waist and me standing, she had her period unexpectedly (.... and I thought that every girl knew her due date...) and fucked up my new sweater with blood.
I am not happy...
She was so embarrassed that she didn’t know where to hide her face, and I looked like ‘Carrie’ at the fucking prom.
At that moment I realized that I wanted nothing to do with ‘that thing’.
We never met up-close me and 'that thing', except once, yes, at my birth ... I came out of one, but never looked back.
Me and 'that thing' are long distance friends.
I respect her and she is resigned to the fact that I will never visit.
With regards to the girl, I totally lost track of her, but I hope that at least she got into the habit of keeping a calendar in her Iphone about the dates on which she becomes 'dangerous' for other people’s laundry.

Such is life. But then everything changed.
First came the courage to give myself the right name: Marco, you're a homosexual. 
You like boys, you like muscles, you like short hair, strong hands, and the rest. 
Here it is.
Clear as day. What to do now?


BOO!
The huge effort to put a label on my forehead and look in the mirror, afraid not to recognize my own reflection. 
In fact, perhaps it was more the fear of recognizing myself and hating it.
But no. 
I liked being a poof immediately. Everything made sense. 
My obsessions, my weaknesses, my languors and my sorrows.
I literally blossomed.
Life had granted me a second adolescence in which to have my experiences again, one at a time, but with the boys, which was far, far better
No blood stains on my sweater to start.

Innocence makes the world taste better...
First person I kissed PCO (Post Coming Out) was F. and he was a hunk, can I say it?
I was clumsiness personified around him and one day it just happened.
I was 19 years old and he was 20. 
We kissed in my car, on Christmas Eve, in the dark. 
My hands were frozen and he placed them under his shirt on his chest. The contact with his skin is a feeling that I have not experienced again in my life. 
That’s because there was all my innocence in those hands.
All my innocence totally burnt up in a blaze that made me dizzy.

Impossible to relive. Impossible to forget.
F tasted like cigarettes, chewing gum and some cheap random aftershave, but that kiss was a real tsunami of feelings that I still remember. 
I remember getting out of the car and refusing to hold his hand, always prey to the paranoia of  a small village where everyone knows you.
But my legs were shaking so hard I could barely walk.
And I could not stop smiling.

We went to T's house to play cards, there was everybody, all our gang, all sitting around the table with a mountain of cakes and sweets in the middle.
The fireplace in the room was roaring cheerfully and I and F  were playing footsie under the table and giving each other signals to meet outside with the excuse of a cigarette and kiss some more.
I remember the electricity that was in the air. The sense of possibility, danger and hormonal adrenaline.
It lasted only one night.
At the end of the evening we were already on different planets. The fickleness of young love...
But it was better this way.
We were two kids... A lifetime ago.... 
Yet from that evening my story started and I bet he doesn’t even realize that he sucked out of my mouth the last vestiges of the small, insecure, bullied Marco and made room for the new individual exploding with energy, sexuality, and curiosity.
Almost a monster.
Oh well, I exaggerate for the sake of effect.
Obviously, I was drunk with my new skin of homosexual, I was confident that the world was just waiting for me.
I felt irresistible, as if there weren’t any other 19 year olds as curious and daring in the world except me.
Everyone would love me, I was out of the shadows now, and I felt like a predator.

Unfortunately the following years proved to me how much I was in fact a prey.
Prey to the envy of one, prey to the jealousy of another.
But even more, I was prey to my stupid heart, worn as a badge on my sleeve and surrendered to anyone that offered me a little tenderness. 
With all the hopefulness, the abandon and the hunger for happiness of a nineteen-years-old boy who just started living.
My stupid heart that always fell in love and broke and never hardened. 
A major flaw in the design of any human being. 
But what can you do?
Sometimes things make sense only when they break and if they do, it's because they're working fine.
But that's another post.
QF


Bip..... Bip.... Biiiiiiiiiiiiiiii
Ogni volta che vedo Bridget Jones in TV, mi viene voglia di raccontare le mie di vicissitudini sentimentali....
Ovvio che devo fare dei tagli, sennò qui facciamo notte, ma tutto iniziò a 16 anni con la mia prima ragazza! Sì! Ebbene lo confesso! 
Il primo essere umano che io abbia mai baciato è stato una ragazza.
Le cose si sono complicate non poco quando ho scoperto che in realtà, mentre pomiciavamo (e pomiciavamo continuamente...), io immaginavo di baciare Clayton Norcross, il biondone di ‘Beautiful’.
Non voglio mancare di rispetto alla mia ex-fidanzatina, ma baciarla, toccarle il seno, stringerla a me.... Niente.... Zero..... Linea piatta.... Frustare un cavallo morto.
Ma se pensavo a Clayton...... 



E' ancora un gran figo di Dio...
Dopo 5 mesi ci siamo lasciati. Tre in una relazione è sempre troppo.

Poi arriva la numero due, io avevo già 18 anni e lei era davvero carina. Ad insistenza di una nostra amica in comune (della serie, mettetevi insieme così usciamo in gruppo...), mi sono detto ‘Proviamoci..... Meglio di essere l’unico single nel gruppo....’, e così mi sono buttato in questa piccola avventura, durata appena un’estate. 

La sentivo un po’ come una forzatura, poi un giorno, mentre ci sbaciucchiavamo avvinghiati sul muretto della chiesa in centro (ANATEMA!!!), lei seduta sul muretto con le gambe intorno alla mia vita ed io in piedi concentrato sulle bellezze di Mr Norcross , le è venuto il ciclo inaspettatamente (....ma non viene più o meno sempre lo sesso giorno?) e mi ha sporcato la felpa nuova di sangue. 
Lei imbarazzatissima che non sapeva dove mettere la faccia, io che sembravo ‘Carrie’ di ritorno dal ballo di fine anno.



Povera Carrie, serata sfigata eh?
In quel momento ho capito che io con ‘quella cosa lì’, non volevo avere niente a che fare.
Non ci siamo mai incontrati da vicino io e ‘quella cosa lì’, ovvero, una volta sì, alla mia nascita... Ne sono uscito fuori senza mai guardarmi indietro. 
Io e ‘quella cosa lì’ siamo rimasti amici a distanza. Io la rispetto e lei si è rassegnata al fatto che da me non avrà mai visite. 
Della ragazzetta invece ho del tutto perso le tracce, ma spero abbia almeno preso l’abitudine di farsi un appuntino circa le date in cui diventa ‘pericolosa’ per il bucato altrui. Ecchecazz....

Così è la vita.

Eh ma poi tutto è cambiato.




Prima di tutto è arrivato il coraggio di darsi il nome giusto: Marco, tu sei un omosessuale. Ti piacciono i ragazzi, ti piacciono i muscoli, ti piacciono i capelli corti, le mani forti, nun c’è gnente da fà. Ecchete quà. Mo che voi fà?


BOO!
Il grandissimo sforzo di mettersi un’etichetta in fronte e guardarsi allo specchio, con la paura di non riconoscere il proprio riflesso. Anzi, forse di più la paura di riconoscersi ed odiarsi.
Invece no. Essere gay mi è piaciuto da subito. Mi è piaciuto ‘na cifra!
Tutto ha avuto subito senso. Le mie manie, le mie fisse, i miei languori e i miei dolori. 
Sono letteralmente sbocciato.
La vita mi ha garantito una seconda adolescenza in cui fare le mie esperienze di nuovo, una per volta, ma con i ragazzi, che era decisamente meglio. Tanto per cominciare non mi sarei più dovuto preoccupare dei problemi idraulici relativi all’altro sesso. 

Un bonus decisamente.

Prima persona baciata PCO (Post Coming Out) è stata F. Era un gran bono, lo posso dire? Se si riconosce su queste righe poco mi frega. 
È un complimento no? Oddio, spero per lui che sia ancora gay e non etero coniugato con figli.... Fare il rovina famiglie a distanza no eh....
L'innocenza dà a tutto un altro sapore...
Comunque io avevo 19 anni e lui 20. Ci baciammo nella mia macchina, la sera di Natale, al buio. Avevo le mani congelate e lui se le mise sotto alla camicia, sul petto. Il contatto innocente delle mie mani con la sua pelle è una sensazione che non ho più provato in vita mia. Perchè c’era tutta la mia innocenza su quelle mani. 

Tutta bruciata in una fiammata che mi fece girare la testa.

Impossibile da rivivere. Impossibile da dimenticare.

F. sapeva di sigaretta, gomma da masticare e colonia comprata in tabaccheria, ma quel bacio è stato una vera tsunami di sensazioni che ricordo ancora. Ricordo di essere sceso dalla macchina ed aver rifiutato che lui mi tenesse la mano, sempre in preda alle paranoie da paesello dove tutti ti conoscono. 

Eppure le mie gambe tremavano così forte che riuscivo a mala pena a camminare. Succede quando ti strappi da dosso la corazza per la prima volta.... Sotto sei molle e bianco come una medusa.

E non riuscivo a smettere di sorridere.



"Avanti il prossimo!!"
Andavamo a casa di T a giocare a carte, lì c’erano tutti, seduti intorno al tavolo, con una montagna di pandoro e panettone già tagliato in mezzo. 
E io ed F a farci piedino sotto al tavolo e a farci i segnali per incontrarsi di fuori col pretesto di una innocente sigaretta e baciarsi ancora un po’. 

Ricordo l’elettricità che c’era nell’aria. La sensazione di possibilità, di pericolo, di adrenalina tutta ormonale.

La cosa è durata solo una sera. 
Alla fine della serata eravamo già su due pianeti diversi. 
Ma è andata bene così.

Eravamo due bambini... Una vita fa.... Eppure da quella serata è partita la mia storia, e scommetto che lui neanche si rende conto di aver succhiato via dalla mia bocca le ultime vestigia del piccolo, insicuro, schernito Marco per far spazio al nuovo individuo che esplodeva di energia, sessualità e curiosità. 
Praticamente un mostro.
Vabbè, esagero per amor di effetto. 
Ovviamente, ubriaco della mia nuova pelle di omosessuale, ero fiducioso del fatto che il mondo non aspettava che me.
Mi sentivo irresistibile, come se non ci fossero altri 19enni curiosi e spericolati al mondo a parte me. 
Tutti si sarebbero innamorati di me, ero fuori dall’ombra ormai, e mi sentivo predatore.


Purtroppo gli anni successivi mi dimostrarono quanto invece io fossi preda.
Preda dell’invidia di uno, della gelosia di un altro, della follia pura e semplice di Alessandro (dico il suo nome perchè è un pezzo di merda e magari si riconosce pure su queste pagine se non è già morto per tutti i colpi che gli ho tirato...). 
Ma ancora di più, quanto io fossi preda del mio stupido cuore, indossato sul risvolto della manica come la medaglia di un soldato e regalato ogni volta che qualcuno mi dimostrasse un po’ di tenerezza.
Il mio stupido cuore che si innamorava sempre e si spezzava sempre e che non si induriva mai. 
Un grosso difetto di fabbrica in qualunque essere umano. 

Ma che ci volete fare? 

Alcune cose hanno senso solo quando si rompono e se si rompono, è perché funzionano come devono.

Ma questo è un’altro post.



QF