Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale



Conoscete quei mattini in cui dovete fare le corse e l'Olimpo, Ade ed i vicini di casa sembrano complottare contro di voi ogni 30 secondi?
E se non è il pargolo che decide di mollare il cacatone del secolo un momento prima di uscire di casa, è il cellulare che vi si nasconde in giro per casa divertendosi al suono delle vostre bestemmie, o anche la cognata che ha un tempismo di merda e decide di chiamarvi con qualcosa di 'urgente' proprio mentre mettete la mano sulla maniglia, o la mamma, che vi telefona esultando "Hey! Ieri ho visto una ricetta a La Prova Del Cuoco e ti ho pensato!"
"E cos'era?"
"Finocchio al gratin..."
"'Fanculo mà... Devo uscire..."
Insomma, avete presente uno di quei mattini dove vi trovate a mettere due piedi nella stessa scarpa ed uscite di casa col viso di un infartato e la sgommata di dentifricio secco sul lato della bocca?
Per me doveva di sicuro essere uno di quegli effervescenti mattini, il giorno in cui mi son fatto fregare dalle telecamere della polizia metropolitana mentre commettevo un'infrazione.
Altrimenti non si spiega come io, la paranoia al volante, io che parcheggio come una suora laureata in geometria e guido come sua sorella cardiopatica, mi sia fatto cogliere in flagrante.
Non si spiega.
Una volta aperta la busta marrone della contravvenzione arrivatami per posta però, la prima reazione è stata
"Ma che cazzo di foto sarebbe questa?"


Vi spiego.
Qui in UK non ti mandano solo la contravvenzione a casa, l'accusa è sempre corredata di documento fotografico, che solitamente vi ritrae in flagrante.
Ecco, il problema era che dalla foto si vedeva solo la mia targa ed un pezzetto di ruota, senza alcuna illustrazione della presunta infrazione (sosta vietata all'interno della griglia di una 'box junction').
"BASTARDI!" ho pensato subito
"Questi ci marciano.... Vai a vedere che ero parcheggiato davanti al supermercato a fare i cavoli miei e questi mi fanno una foto e si inventano una bufala per alzare quattro soldi...."
Maritone era dell'avviso che, seppure dubitando della mia versione, io avrei dovuto telefonare e chiedere spiegazioni, dal momento che la foto non spiegava niente.
Era un mio diritto.
Sembrò una buona idea.
"Ok signore, se vuole può venire domattina alle 10.00 presso la centrale di polizia e visionare il filmato CCTV. Forse le sarà di aiuto per comprendere dove e come è avvenuta l'infrazione."
Benedetta polizia britannica.
Te lo mettono nel culo ma con un così gran bel sorriso, e sono così carini e gentili che ti ritrovi a portarla tu la vaselina, e di corsa...
Per farla breve, l'indomani, dopo aver mollato il tappo all'asilo, mi reco presso la stazione di polizia.
A dire il vero mi sentivo un po' a disagio.... Voglio dire, la gente che ti vede entrare di soppiatto in una centrale di polizia prima delle nove del mattino non pensa di sicuro che stai passando a salutare un'amica, ma vabbè.
In fondo sono un criminale.
Ciccia.
"Buongiorno! Sono qui per visionare il filmato CCTV... Questo è il numero dell'appuntamento.."
"Prego si accomodi, Kevin la condurrà nello stanzino che le è stato riservato.."
STANZINO??
Kevin era un ragazzetto sui 150 kili per due metri di altezza. Praticamente una cisterna di carne e due mani come le pale del pizzaiolo.
L'espressione del viso ricordava vagamente quella dei Moai dell'Isola di Pasqua e pure il taglio del naso.
"Sei per caso polinesiano?" gli faccio io improvvisando un' aria amichevole
"No... Polacco..." risponde lui senza voltarsi.
Ecco, perfetto. Adesso appena svoltiamo l'angolo del corridoio Kevin il Moai Polacco mi sbatte dentro ad uno stanzino e mi gonfia come una zampogna.
"Prego, entri pure.."
Nello stanzino c'era già l'addetto alla visione, seduto alla scrivania, con le cuffie e l'aria di chi passa tutto il suo tempo davanti ad uno schermo dove l'unico programma che danno è il traffico.
Due palle.
"Ecco... Questa è la parte di registrazione che le interessa... La vede la Fiat 500 bianca?"
"Sssì..."
"Aspetti che adesso faccio uno zoom nell'abitacolo..."
CRISTINA D'AVENA!
Lì, in sosta vietata su una box junction, bloccato nel traffico dell'ora di punta c'era un tipo molto famigliare.
La faccia sfranta dal sonno, la sgommata di Colgate da una parte della bocca, gli occhiali in bilico sul naso  e ovviamente la musica a palla, dal momento che mi sbattevo come Don Lurio quando era vivo (è morto a proposito? Ho tirato ad indovinare, ma dovrebbe aver stirato da un po'.... Era vecchio già 25 anni fa...).
"Le piace ascoltare la musica in macchina vedo..." mi fa il cortese signore con le cuffiette
"Già... Ok possiamo spegnere adesso?"
E mentre parlavo, per aggiungere beffa al danno (e non viceversa..), il tipo nella macchina sullo schermo molla un grande starnuto che, a causa del cimurro galoppante che allora teneva tutta la famiglia ad un passo dall'estinzione, si risolve in una enorme bolla di muco nasale.
PLOPP!
Era tutto lì, in fantastica alta definizione.
Mortacci loro.
Una di quelle occasioni che pure Nostro Signore si prenota il posto in prima fila per godersi lo spettacolo.
Ero io.
Era una mattinata di merda, ma ero io di ritorno dall'asilo che mi davo alla gioia.
Grazie al cielo i due ufficiali si limitarono a farmi firmare un foglio di carta dove ammettevo di essere IO nel filmato e non infierirono con battute di nessun tipo.
"Sei solo una checca incimurrita e mo' paghi doppio..."
"Ti pago il triplo e ti do pure il resto in natura basta che non fai vedere il nastro a nessuno..."
No vabbè, quello è un altro film.
Adesso quando sono in macchina in mezzo al traffico e passo quell'incrocio, non sto solo attento a non farmi bloccare in mezzo alla griglia, ma mi guardo pure allo specchio per assicurarmi di avere il viso a posto. Presto anche più attenzione alla scelta dei miei outfits.
Niente tuta da ginnastica con le macchie di succo di frutta e sugo.
Non si sa mai.
"Amó, la prossima volta sai che devi fa?" il mio fedele amico del cuore M mi dice per telefono
"Quando passi davanti a quella telecamera fagli il pezzo del maniaco ne Il Silenzio Degli Innocenti... Ti alzi in piedi, ti tiri giù i pantaloni, ti metti il pistolo tra le gambe e fai finta di avere la fessa... GUARDA 'STA GNOCCA KEVIN!! AHAHAHAHAH!!"
"M, in teoria sarei alla guida... Idiota..."
"Ah.... Peccato... Vabbè, allora semmai ci passi davanti a piedi...."

Evviva gli amici saggi.

TQF xx

22 comments:

Aspirantemamma said...

buahhauaahhah scusa ma non posso fare a meno di ridere!!!!

dabogirl said...

Ok, la mattinata era cominciata malissimo ma questa risata m'ha risollevato! GRAZIE!

Biancume said...

Fantastico

Susibita said...

In tutto questo tua madre e il finocchio al gratin mi ha fatto piegare.

Susibita

M di Ms said...

Ahahahahahhhh! Cose che succedono solo in UK!

Marabella said...

Ciao ti seguo da un po' e trovo i tuoi post assolutamente fantastici. Stavo giá rotolandomi sul pavimento al "finocchio al gratin" figurati in che stato sono arrivata alla fine!!

quasimamma said...

Questa mattina mi ci voleva proprio! Il rientro al lavoro dopo una settimana di bimba grande con la Varicella è stato più dolce...

Amedeo said...

Se la sveglia rovina il mattino, tu lo migliori. :)

Deb said...

MITICO!!!

AGY_TO said...

no, son morto dal ridere!

cily75 said...

no vabbè....spettacolo!

anto i viaggi di maya said...

non c'è dubbio, tua madre dovrebbe scrivere un blog!

Mammachetesta said...

Muahahahah! Scusa Marco ma....muahahahah!

mafalda said...

rofl non è sufficiente. Sono fortunata che sono in bilico sul letto e ho appena addormentato la Purulla, quindi non mi posso muovere...

Ad ali spiegate said...

Stupendo..come sempre!
ciaooo

Castagna said...
This comment has been removed by the author.
Castagna said...

Ahahahahahahah m'hai sdraiata.

Comunque io il giovedì inizio a lavorare alle 11.40, contro le 07.30 del lunedì e le 07.55 degli altri giorni. Il che significa che prima di lavorare faccio un migliaio di altre cose.
Oggi arrivo a scuola e avevo sbagliato abbigliamento: al mattino ci sono 0 gradi, poi viene il sole, e insomma tra roba da portare in macchina, guida sportiva, scaricamento della roba dalla macchina, corsetta in corridoio perchè la campanella era già suonata... quando mi ha incontrato una collega uscendo dalla classe vicino alla mia, mi son sentita dire: "Uhhh ma cos'hai fatto, che sei tutta sudata?" (e io mi guardo: ascelle pezzatissime, fortuna che tra le diciassettemila cose del mattino avevo anche fatto la doccia e mi ero profumata). Poi lei si è allontanata dicendo "E certo che a volte dopo una mattinata a star dietro a questi ragazzini uno si riduce in uno stato..." e io ho ringraziato Dio che non sapesse che ero appena arrivata... Mi sentivo una merda pestata!

Nina said...

Ah ah ah! Conosco bene questi attimi compulsivi cercando di contrastare il Catalizzatore di Sfiga Cosmica che domina perennemente la mia vita!
Aneddoto: in ufficio.
Riunione di lavoro molto importante, con delle persone esterne di una famosa azienda. Il mio ruolo squinfido generalmente non ne prevgede, ma stavolta devo pure parlare! Ok, ce la posso fare. Tailleur, scarpetta, un ultimo sguardo ai documenti, mi sento molto donna in carriera. La riunione va bene, soddisfatta me ne vado in bagno e, sorridendo, mi specchio. Strabuzzo gli occhi, mi avvicino e il sorriso si tramuta in una smorfia di dolore e raccapriccio.
Non è possibile !!! Ora capisco perchè tutti mi guardavano con quelle espressioni stile ipnosi...ed io pensavo che fosse per quello che stavo dicendo ! Macchè!
A lato del collo, sui capelli ed un po' anche sulla giacca, campeggia in bella vista un non meglio identificato ma enorme poltiglione di natura organica, color cacchetta.
Con estremo coraggio lo gratto via ed annuso: è un innocuo rimasuglio di Plasmon ciancicato che evidentemente la nana mi ha spalmato con le sue manine mentre la portavo al nido. Morale della favola: la prossima volta (che non ci sarà ma facciamo finta di sì) SPECCHIARSI PRIMA !!!! :-)
Mamma Compulsiva
p.s.: mi sa che prendo spunto per un post

L' officina di un sogno said...

Lol, muoio!!! Non mi voglio perdere uno dei tuoi post!!!! God bless you (spero sia corretto). Baci da una noiosa Eli.

Arianna74 said...

ma tu sei meraviglioso...ho riso due ore all'immagine di Kevin che ti guarda allibito nel video con il pistolino tra le gambe...semplicemente fantastico!!!

Mary Zane said...

ahahahahahahahahahahhah!!! love it! :')

Liby said...

ma per quale motivo io ti scopro solamente ora?!?!? Sarò la tua stalker... SAPPILO!!!