Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale



Come ve lo immaginate voi l'inferno?

Come un luogo di eterni tormenti, con tutte le sfumature dell'ombra e della tenebra, come le acqueforti di Gustave Doré?
È forse un labirinto spaventoso, dove tutto è surreale e la realtà è amplificata e distorta dalla follia e dal terrore, come un incubo di David Lynch?
È forse un abisso di eterne fiamme e lamenti, dove la carne non trova pace in balía di demoni implacabili?
E quanto è lontano questo posto?

E se vi dicessi che il vero inferno è la vostra vita che va a rotoli?
Se vi dicessi che a volte non ci sono demoni, né labirinti, ma solo l'agghiacciante consapevolezza di stare assistendo al disfacimento di tutto ciò per cui avete lottato e lavorato tutta la vita?
E se vi dicessi che l'unico labirinto di follia è quello di un apparato legale che dovrebbe proteggerci, ma ci fa invece a pezzi sotto gli occhi di tutti, in mezzo ad un cerchio di persone sempre più grande e voi al centro, nel panico più totale, che cercate di tenervi stretto tutto ciò che avete di più caro al mondo, e più vi affannate a trattenere i vostri tesori, più questi vi vengono strappati di dosso.



How do you imagine Hell?
As a place of eternal torment, with all the nuances of shadow and darkness, as in the etchings of Gustave Doré?                                                                                                                                                    
Is it a scary maze, where everything is surreal and the reality is amplified and distorted by madness and terror, like a David Lynch nightmare?
It is perhaps an abyss of eternal flames and wailing, where flesh finds not peace at the mercy of ruthless demons? And how far is this place?
And if I told you that the real Hell is your life going down in pieces?
If I told you that sometimes there are no demons, no mazes, but only the chilling awareness to be witnessing the undoing of everything for which you fought and worked all your life?
And if I told you that the only maze of madness is a legal apparatus that should protect us, but instead tears us to pieces before the eyes of all, amid a circle of people, getting bigger and bigger, and you at the center, in a panic, trying to keep close everything you hold dear, and the more you try to hold on to them, the more they get be ripped off your hands.
Scary huh?