Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale


Vi chiederete il perché di tutte queste immagini cosí gotiche di Parigi.... Io normalmente sono un tipo abbastanza solare. Al di là del loro fascino romantico che mi auguro apprezzerete, in realtà sono un riflesso del mio umore al momento.
Sapete qual è la cosa più irritante dell'essere nella città piú bella del mondo? Quando sei a dieta.
Beh, la dieta non c'entra un cavolo, ma l'umore in cui mi mette sí.
Umor nero.
Grazie alla Dukan ho perso più di 5 kg in otto giorni ma, all'inizio, ho anche assistito alla trasformazione da Regina sovrappeso a Cagna Rabbiosa Imperiale da Guerra.
Madre Lacrimosa! Altro che il sonno della ragione! È l'astinenza da carboidrati che genera mostri!!
Poi però passa.
Per fortuna.
Nel frattempo però bisognerebbe osservare alcune precauzioni:
-evitare di guidare, giusto per non bloccare ogni rotatoria con la zuffa in cui vi siete buttati (per colpa di quella bastarda sul motorino che vi ha fatto un gesto con la mano, magari poi manco ce l'aveva con voi, salutava un'amica per strada, ma non avete saputo resistere, vi siete fiondati dal finestrino e la avete atterrata come un giocatore di rugby e la avete presa a capocciate fino a spaccarle il casco ed il naso... Il vostro.)
-evitate battibecchi col marito, perché, ve lo dico e ve lo giuro, questi si trasformeranno in piccoli atti di guerriglia urbana in casa, con tanto di vasellame e argenteria (solitamente da taglio...) che vola per aria. Soprattutto evitate di attaccar briga ("Ah! Ti sembra questa l'ora di tornare a casa?" "Ma... Sono appena le sette e mezza... Torno sempre a quest'ora..." " MI STAI DANDO DEL BUGIARDOOOOOO??") avete capito. Prudono le mani? Mettetele a bagno nell'amido di riso.
-non andate a fare la spesa al supermercato se vivete, come me, a Parigi o in qualsiasi altra città dove la gente tende ad essere stronza.