Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale


Ce l'abbiamo fatta!

Siamo entrati a casa nuova appena sabato, milioni di scatole da aprire, miliardi di oggetti da collocare al loro posto ( e io vorrei guardà in faccia la volpe che mi ha imballato gli occhiali da sole con i barattoli di pelati... Sí, mi son portato dietro pure quelli e non mi chiamate purciaro che mi offendo...).
Niente telefono, niente internet, niente TV.
Immaginate il panico di avere il mio primo articolo pubblicato su Vanity Blog (il blog di Vanity Fair) e di non poter controllare né i commenti né le reazioni....
Abbiamo passato tre giorni di fronte ad un Ipad con Dumbo (ma che Iddio lo maledica, lui e tutto il circo dei nani...) e Tinkerbell. Il cellulare che prende solo tra salone, sala da pranzo e libreria, ma dall'altra parte della casa le tacche vanno sotto zero. Del tipo che non è che non hai campo, piuttosto il telefono inizia a succhiarti le onde Teta del cervello nel tentativo di rimanere in vita.
Comunque siamo dentro e siamo strafelici!
Niente vicini molesti, musiche assordanti o vecchiacci putrefatti alla porta. Abbiamo calma, luce e tanto spazio.
Siamo a casa.
Proprio a causa del recente arrivo, sto assaporando le gioie della Francia che lavora: i suoi spedizionieri, i suoi elettricisti, i suoi imbianchini, i suoi tecnici per la connessione telefonica ed i suoi incaricati delle consegne.
Notate il leggero sarcasmo nel mio tono?
Ecco. Domattina vado a comprarmi una pistola sparachiodi da tenere a portata di mano.