Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale




Mattinata da infarto, un altro, qui in casa Queen Father.
Alzo il Tappo alle 7.00 per le grandi manovre da mattinata scolastica (che detta così vi farebbe pensare che vada a lezione di trigonometria... Invece è solo l'asilo... Ma tocca alzarsi comunque).
Maritone ha una visita importantissima dal cardiologo, l'unico che siamo riusciti a trovare che parli un inglese intellegibile.
Saremo snob, ma capire bene se stai per morire o se vivrai fino a tarda età è un po' importante, e lo vogliamo sentire nella nostra lingua.
Quindi siamo tutti e tre nel bagno grande, di fronte allo specchio.
Chi con uno spazzolino in bocca, chi con un pezzo di brioche alla marmellata in mano e chi con una lente a contatto che ha deciso di schizzare dietro l'occhio ed appiccicarsi sul cervello.
Sí, sono io.
"I want Daddy to dress me..."
"Amore, Daddy va di fretta che ha un appuntamento col dottore e poi un treno per Londra... ODDIO 'STA LENTE MI STA A AMMAZZÀ STAMATTINA!"
"NO, I want Daddy..."
"Mangia almeno la brioche dai.... "
"NO Daddy..."
"Amore, Daddy non si mangia..."
"DAAADDY!"
"Dov'è la brioche?"

Mezz'ora per capire se la avesse mangiata o no.
No.
Era nella tazza del cesso.
"Dai, per una mattina che non mangia non farla tanto lunga che lo stranisci..." dice maritone, in mutande.
"E certo, tanto nella tazza ci sarebbe arrivata comunque no? Io preferirei che ci arrivasse dopo essergli passata attraverso..."
"Dai che fate tardi... Amore vieni che Daddy ti veste..."
"Ecco, a dirglielo prima invece no eh?"
'Sti due sono come Batman e Robin. Anzi no, troppo fighi, sono come Franco e Ciccio. Un duo. Inseparabili.
Io posso arrampicarmi sui muri, darmi fuoco col kerosene ed inghiottire lamette e non ottenere nulla da mio figlio se non urla, schiamazzi e secchiate di "NO!", Daddy invece deve solo chiedere una volta, massimo due volte.
Questa cosa mi indispettisce.
"Maddai, lo sai che è solo perché tu per lui sei come l'acqua al rubinetto... Sempre disponibile... Lo sai però che ti adora."
"Acqua di rubinetto. Ecco, perfetto. Manco Evian. Di rubinetto! Ma lo sai che qui a Parigi un bicchiere di acqua di rubinetto ha lo stesso valore nutrizionale di un Big Mac?"
Non mi ascoltano nemmeno più.
Immersi nel loro mondo di carezze e risa e io che rompo i coglioni con l'orario da rispettare per non far tardi e con la lente a contatto che si è saldata ad una delle meningi.
Usciamo di casa di corsa e prendiamo l'autobus. Io sempre mezzo guercio.
Il librino della Spora!! 
Una volta seduti arriva una mail dall'Inghilterra. Una mia amica, mi informa del primo YES alla nuova legge a favore dei matrimoni omosessuali.
È solo il primo voto a favore, ne serviranno altri prima che la legge possa essere definitivamente approvata nel 2014, ma è un grande passo, soprattutto se si considera la maggioranza che ha votato a favore: 400 contro 175 (e noi che gridiamo dalla curva sud "DEVI MORIRE!")
Poi vabbè, anche qui in Francia le cose si muovono a favore, quindi da 'concubin' o zoccola, come dico io, potrei anche ritrovarmi 'donna onesta pene-munita'.
Corro troppo.
Mentre fantasticavo sulla possibilità di chiamare finalmente Maritone 'marito' a tutti gli effetti invece che 'civil partner', arriva comunque il Tappo a svegliarmi
"Papà, I'm hungry."
"Ecco, certo che hai fame. Tieni, mangia questi biscotti..."
"NO I WANT DADDY!!!"
"Ma... Daddy è dal dottore..."
E giù, isterismo puro fino alla fermata della scuola, un buon quarto d'ora piú in là.
Non vi dico né che ci guardavano pure i passanti per strada, né che gli occhi nelle orbite degli altri passeggeri roteavano come le lune di Giove ed i miei pure, ma solo per cercare di riposizionare la fottuta lente vagante.
Immaginatemi. Il Tappo che urla e io che faccio le smorfie da paresi cerebrale. Spettacolo.
Una cosa però ve la dico eccome.
Pensateci un po' a tutti quelli come noi, che aspettano diritti ed intanto si fanno il culo come voi, e vanno in giro con prole demoniaca e le lenti attaccate al cervello, e affrontano i malori del compagno, e fanno progetti che mettono da parte per mettere i figli prima di tutto, e si annientano nell'ideale di 'famiglia'.
Pensateci.
Magari vi accorgete che quei cazzo di diritti che li meritiamo pure un po', o no?
Dai, stamattina mi girano.


TQF xx


P.S.
Arrivato fresco fresco tramite FedEx il nuovo librino della Spora! Grazie del regalino, adesso pure la fissa di comprarmi un tacco 12 devo avere.
Mi volete proprio rovinare.

P.S. 2
La lente a contatto mi è 'scesa' al suo posto, insieme ai miei testicoli, appena tornato a casa. Dopo aver fatto un viaggio da Braille. Ma grazie cazzo.





27 comments:

Anonymous said...

Spettacolare, sei sempre spettacolare! E i diritti, ma of course you f@**#@*g deserve them darling!

Ali da Bologna

Moky said...

CURIOSITà...SE LUI LO CHIAMA DADDY, A TE COME TI CHIAMA. SO CHE è UNA COSA DA IGNORANTONA, MA LA DOMANDA MI è ARRIVATA AL CERVELLO DA SOLA...

Bimbo cercasi said...

Oh bè io non ho solo daddy, ma ho anche gia (zia), gio (zio), giulia (la cugina) e nonna. Di mamma, che sta con loro 24 ore su 24, non se ne parla minimamente...

Anna said...

Enniente... ogni volta che ti leggo ti amo sempre di più!!!

Ale [Tredici] said...

Mi sembrava di vedere una puntata di The New Normal, solo che per scritto :)

strega dei gatti said...

Fantastico... ho iniziato a seguirti da poco ma questo è il mio primo commento. Effettivamente il racconto non ha niente da invidiare ad una normalissima famiglia con prole quindi è giusto voi abbiate gli stessi diritti. Una legge che tuteli le coppie dello stesso sesso che vivono insieme..... mi pare ovvio.

La Princess S. said...

Senza l'acqua del rubinetto non cuoci nemmeno la pasta! E' come l'aria :D

Mammachetesta said...

Sto andando ad acquistare dei modestissimi 10...ma l'efetto librino sporesco è inevitabile ;-)
E speriamo che la civiltà prevalga.

The Queen Father said...

Stamattina no. Spettacolare no. Ma se mi impegno mi faccio ricordare. ;0) x

The Queen Father said...

Moky, mi parti distratta. Mi chiama papà! Anzi, PAPÀÀÀÀ!!!! ;0) x

The Queen Father said...

Hai buon gusto. Amami. Amami e poi manname a casa che divento pesante. X

The Queen Father said...

Se non fosse per il fatto che non c'è nulla di normale in mattine del genere. O almeno non dovrebbe.

The Queen Father said...

Io lo dico da mo'.... Grazie cara, benvenutissima!

The Queen Father said...

Sissi, sua altezza, figurati se 'sti due non vanno a pranzo fuori. Sono terribili insieme.

thebrunette said...

Bhè...ma la visita dal dottore come è andata?
Dai, che dopo il post sul viaggio a Dubai...siamo come una graaande famiglia ormai!
^^

Claudia-cipi said...

soo io non ci vedo niente di strano in questa mattinata? a aprte la visita dal dottore, che, a proposito, come è andata?

mamma, che emozione! said...

Magari sì, magari è la volta buona che ci pensiamo tutti a 'sti sacrosanti diritti.
E magari cominciamo a parlarne ad alta voce, ad allargare il cerchio di chi ci pensa, anche se non ci riguarda in prima persona.
Io stasera ero in auto con il mio papà 65enne e gli raccontavo del tuo blog, della vostra famiglia e lui pacioso ha commentato: i bambini e le famiglie sono tutti uguali, ci son gli stessi meccanismi e le stesse logiche, ma non so quando arriveranno gli stessi diritti, almeno in Italia.
Bon, se ci arriva lui che non è più un ragazzino... come dico sempre, cerchiamo di fare del nostro meglio con i nostri figli, che crescerli in un certo modo è l'unica leva per il cambiamento, no?
Comunque mi fai davvero ridere anche quando sei serio... La lente al contatto dietro fa sclerare, lo so, infatti non le uso più ah ah

mamma, che emozione! said...

Dimenticavo: ci dai news anche non dettagliate della visita di Daddy? Sono ansiosa e panzona, non puoi dirmi di no :)

Fra said...

La lente appiccicata al cervello mi avrebbe fatto venire una crisi isterica in due nanosecondi... io, che quando non riesco a togliermele al primo colpo, già immagino corse al pronto soccorso per asportare l'occhio e la lente che si è appiccicata!! :)
Per il resto... mi ripeto sempre, ma sei veramente una bella persona e hai un modo di raccontare le cose troppo divertente, oltretutto.
Ed è pazzesco (e vergognoso) che qualcuno debba decidere in merito al "diritto ad avere dei diritti" di una famiglia.

Beatrix Kiddo said...

Ho cominciato a seguirti da poco, ma posso dire che vi adoro???

Livia said...

Ehm, in mattinate come questa non sarebbe meglio inforcare gli occhiali al volo e dedicarsi alle lenti con calma una volta rincasato?
Che bastardi i bimbi quando non si cagano chi si fa un culo per loro... ma dopo una certa età iniziano a capire, non demordere :)

divinaringhio said...

Meno male che le mie mattine grigie poi si risolvono con grasse risate leggendo le tue avventure. Quando Mirtillo nascerà lo so che andrà così---Io sarò la stronza in pijama e papinoadorato sarà l'eroe. Ma li frego tutti e due...Visto che con il gatto sono anni che faccio gavetta in merito (mi odia, anche se pulisco la sua sabbietta e lo sfamo, il bastardo traditore) so tutto.......

Ah, nani malefici...come fare senza tutti quei no che ci temprano???
Se poi a te non t'ammazzano i parigini...

P.S: IN CURVA A FISCHIARE CI STO PURE IO!!!YEEEEEEESSSAAAAAAAAH.

Anonymous said...

Anche mio marito visita cardiologica a breve. Dopo l'infarto ci hanno bloccato la fecondazione assistita per 6 mesi, perchè il ginecologo voleva essere sicuro che mio marito "vivesse". !!!!
Vado a mettermi le lenti a contatto. Storte.

Laura.

Anonymous said...

Come ti capisco,
alla tua mattinata io aggiungo anche il gatto che vuole bere dalla tazza del water e la nana che vorrebbe fare altrettanto...

Marion said...

anche le nostre mattine sono così, e in più la mia di figlia (5 anni) vuole anche che il papà le dia il latte, solo e solo lui!!!
cmq vuole il Daddy perchè lo vede poco, è così !!! :)

policisticosa said...

Eccome se li meritate!!! Ma proprio tanto! E speriamo che i governi si spiccino anche, che sembra d'esse' sempre al Medioevo..
Vi adoro.
DileIntheMiddle

Anonymous said...

Quando leggo delle tue giornate mi viene da pensare: "Ma a questo chi glielo fa fà?" voglio dire, una volta gli uomini avevano almeno il privilegio di evitarsi le mille e uno rotture di scatole della cura della prole, ma tu te la sei proprio andata a cercare! Ora soffri in silenzio, come milioni di donne prima, durante e dopo di te. Un bacio Lucia