Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale


Signoreddío quanto tempo!
 Per entrare qui ho dovuto spostare ragnatele grosse come liane e scavalcare due pastori tedeschi morti di noia.
Ma non potete capire quanto ho avuto da fare questo mese.
Prima cosa, il lavoretto di Natale per la classe del Tappo: grande successo, ma, come ogni oggetto di un certo livello ( e ricercatezza… e stile… e siamo gay e tocca faie vedé...) che non si riducesse ad un foglio di cartoncino verde da ritagliare a forma di abete con le forbici a punta tonda, ha richiesto un po' di preparazione da casa.
Ho infatti usato la pasta di sale e ne è uscito fuori un bellissimo oggetto da appendere (vedete la foto…) e tutti ne sono stati entusiasti, soprattutto le maestre (fancazziste e balorde, in una scuola privata 'ste cose le dovreste fare voi e mi dovreste chiamare solo per i drink. Berli, non portarli, sia chiaro.)
Pure l'idraulico di passaggio in cucina mi ha fatto i complimenti
"Bellissimi biscotti monsieur!"
Deficiente.
Però carino dai.

È arrivato!

Il periodo pre-natalizio incombe su Parigi.
Vi ho già parlato dell'assedio dei cinesi e delle commesse incotichite dalla nicotina che difendono i bastioni del buon gusto e dell'aplomb francese a colpi di Paco Rabanne spruzzato negli occhi.
Adesso è iniziato l'ecatombe.
Li strappano dalle loro dimore, ancora assonnati di primo mattino , li caricano su degli autotreni a centinaia, a migliaia. Raggiungono la città e li vedi raggruppati per strada, in ogni angolo e crocevia, schiacciati gli uni contro gli altri al freddo, ad un pelo dal traffico isterico di Parigi. Li vedi di tutte le età, di tutte le forme, qualcuno più tondo, qualcun altro più longilineo. Ovviamente alcuni sono più richiesti di altri ed il prezzo dice tutto. La maggioranza è sul metro e settanta, ma ne ho visti di giovanissimi, che ti arrivano appena alla vita, venduti da un banchetto in mezzo al Parvis de La Defense.
Abeti.
Che a me mi fanno una pena! Vederli così, troncati ed infilati dentro qualsiasi cosa: un ciocco di legno, un secchio pieno di ghiaia, un secchio pieno di cemento. Poveri abetelli.
Poi vabbè, tempo che arriva il primo gennaio e li ritrovi tutti per strada, dov'erano prima, ma in vari stati di sbudellamento. Alcuni hanno perso tutti gli aghetti a causa del riscaldamento delle case, altri sono stati colorati e spruzzati di vari colori, di porporina o di neve tipo schiuma da barba. Altri sono stati sommariamente fatti a pezzi ed infilati nel cassonetto traboccante a testa in giù.
Pregate di non reincarnarvi mai in un abete.