Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale


No, ma voglio dire, questa mancava.
Un emerito scrittore, saggista, ultras della destra militante, grande pensatore, filosofo ed esponente dell'intelligentia tutta Rive Gauche francese, si è suicidato ieri pomeriggio nella cattedrale di Nôtre Dame, qui a Parigi.
Era proprio Dominique Venner.
Ecco, appunto.
Neanche io.
Il renegade di 78 anni, si fa saltare le capsule con una revolverata in bocca poco dopo le 16.00 di fronte ad un pubblico di 1500 persone, che, dopo una prima evacuazione del sacro edificio, sono ritornate come niente fosse a proseguire la visita turistica, mentre i paramedici cercavano di raccogliere gli schizzi di cervello con paletta e secchiello dal pavimento.
Alcuni di loro non si sono neppure resi conto di cosa fosse successo.
Benedetti giapponesi e la loro quiete zen. Vi siete persi l'unica cosa che valeva la pena di fotografare.
Da alcune lettere che aveva lasciato sull'altare dove spiegava il suo gesto (non avrà voluto passare per matto...), salta fuori che il poveretto era così indispettito per la nuova legge che permette ai gay di sposarsi ed era così amareggiato di fronte alla pesante immigrazione di nordafricani, magrebini ed islamici in generale, che ha deciso di farsi una pomiciata con una calibro 38.
Un gesto che, senza dubbio, mira a risvegliare le coscienze dei francesi ed a destarle di fronte al disfacimento morale della società e di fronte al pericolo di un'egemonia tutta islamica nel loro bel paese.
Poi vabbè, il fatto che il motto nazionale sia Liberté, Egalité, Fraternité e che la Francia vanti un glorioso passato di 'colonizzatrice' di paesi (o razze inferiori secondo Jules Ferry) anche islamici, sono dettagli.
Sí, insomma, a questo gli stanno sulle palle i froci e i maomettani, poi però decide di copiare quelli che fanno i risentiti perché hanno costruito un salumificio accanto alla moschea e si danno fuoco in piazza.
L'unica cosa che mi viene da dire è che se si fosse trattato di un ventenne nel fiore degli anni, uno avrebbe sicuramente lamentato lo spreco di gioventù in questo gesto efferato di estremismo di destra, ma si trattava di un 78enne.
Non che la sua vita valga meno della mia, per carità, rimettetevi le mutande e smettetela di sbraitare.
Deficienti.
Solo che lo stato si risparmia una pensione, la destra ha il suo martire da incensare, la sinistra ha il suo scandalo da vituperare, i froci hanno un rompipalle in meno con cui fare i conti, i musulmani pure, insomma, vinciamo tutti.
Vi pare poco?
Ovviamente Marine Le Pen, altra portabandiera della destra francese, nonché presidente del Front National, si è precipitata su twitter a mostrare il suo rispetto per un tale gesto "eminentemente politico, mirato a risvegliare la Francia".
Ma allora, signora Le Pen, perché non andare un po' oltre la retorica e suggerire a tutti gli oppositori di prendere esempio da quest'uomo?
Invece di scendere in piazza questa domenica 26 maggio, festa della mamma, per fare protesta contro una legge ORMAI IN VIGORE (primo matrimonio gay programmato per il 29 maggio a Montpellier!! Auguri e figli tolleranti!), che si facessero saltare le cervella in nome del loro ideale.
Dai.
Fatemi vedere quanto ci tenete a questa cosa! O siete buoni solo a parlare? Tutto io vi devo dire.
Il vecchio ha alzato gli standard. Adesso se non vi tirate una pistolettata tra gli occhi, chi volete vi prenda sul serio? Nient'altro fa marketing quanto un gesto di autentica e motivata disperazione.
Pensate a Britney che si rapa a zero...
Ho capito che c'è crisi, comperare un'arma e delle munizioni costa soldi. Senza parlare del porto d'armi.
Esistono però delle soluzioni purciaro-friendly.
Tipo buttarsi sotto ad un autobus.
Saltare giù da un cavalcavia.
Affogarsi nella Senna.
O, se siete a Parigi, morire di noia.
Se poi proprio non vi va nemmeno di uscire di casa, attaccatevi alla canna del gas, oppure fatevi la permanente col microonde.
Insomma, fate come volete, ma immolatevi. Dai che ne vale la pena.
Gretini.
Poi, se vi servisse un altro piccolo incentivo per premere quel grilletto, o per spingere il pulsante 'fast cook' del microonde, pensate a me, che me ne sto qui, in mutande rosa e boa di struzzo a pianificare la distruzione della civiltà occidentale, adottando un bambino alla volta, e ad organizzare la coalizione tra il Taliban e Stonewall.

Coriandoli.


TQF xx