Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale

Doveva succedere.

Voglio dire, se fai parte di una minoranza che ancora viene, in diverse misure, discriminata e che, in diverse misure, protesta e che, in diverse misure, si radicalizza, quante possibilità hai di trovarti vittima di fuoco amico?
Svariate.
In occasione della stagione dei Gay Pride in tutto il mondo, io devo sempre togliermi una spina dal fianco.
No, non è il Pride in sé, la cui esistenza e sacrosanta ragione di essere io approvo, sostengo ed ammiro (in fondo è il risultato di anni di oppressione, che vi aspettate?), bensì mi dolgo di alcuni aspetti delle varie manifestazioni che poco hanno a che fare con la richiesta di uguali diritti.
Secondo me.
Ovvio.
Vi rimando a questo mio vecchio post, dove la dico tutta come me la sento.
Leggete e poi tornate.
Allora, che cosa avrò mai detto di così offensivo?
Eppure, dopo aver re-twittato il vecchio link, sono stato inondato (INONDATO) di emails da parte di gente che, seppure dicendo di non seguire il mio blog, si è sentita in dovere di dirmene quattro.
Ma anche otto e sedici.
Il consensus generale è che io soffro di 'omofobia interiorizzata' e che io sia 'eteronormativo' ed 'eterosessista' nel mio vedere le cose.
Cioè, in soldoni (parlamo come magnamo) io sto cercando di omologarmi ad una società e ad un certo 'modus vivendi' che è tutto etero.
E dall'alto (???) della mia posizione di finta mamma della Famiglia Cuore, sparo a zero sui gay e sul loro lifestyle.
Ma annateveneaffanculo.
Detto col cuore e con le presine rosa a fiorellini.