Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale

Tradizionalmente, gli aspirapolveri cordless sono sempre stati destinati ai piccoli lavori , come una rapida pulizia della macchina o per ovviare in fretta ad un pasticcio improvviso 
(come un pacco di stelline rovesciato sul pavimento, o il porco glitter di Natale sui divani, o un secchio di mattoncini Lego che a bruciarli fai uno sgarro nello strato di Ozono che ti risucchia nello spazio con tutti gli zoccoli. No dai. I Lego non si risucchiano con l'aspirapolvere.)
Inevitabilmente però, perdono potere di aspirazione con lo scemare della carica e per me infatti la magagna più grossa dei cordless è sempre stata la durata della batteria.
Pensate che mi fu regalato da mia cognata, anni fa, un modello di cordless Dyson che aveva bisogno di 6 ore di carica per 6 minuti di autonomia. L’equivalente di un uomo che passa tutta la giornata in palestra e poi la sera è troppo stanco per resistere a più di 6 minuti di sesso sfrenato.
Ha trovato il suo posto in magazzino nell’arco di cinque giorni.
Ridicolo.
Ma qui c’è la svolta, l’ingegneria Dyson alla ribalta produce l’ultima generazione di aspirapolvere: il Dyson Digital Slim DC62.
Un’idea che ribalta il concetto di ‘cordless’, un cordless che, dotato di un lungo tubo di alluminio, permette un uso identico (ma dalle prestazioni enormemente superiori) a quello dell’aspirapolvere tradizionale.
Io conosco un po’ la storia ed il personaggio di James Dyson, in quanto residente in Inghilterra da 16 anni e oltre ad essere un nome che fa ormai parte dell’iconografia britannica, come Ferrari per l’Italia, è anche un marchio molto, molto rispettato.
Guardando uno dei suoi prodotti capisci subito il perché: Dyson possiede un’attenzione per lo stile e per l’estetica che neanche fosse fratello di Steve Jobs, così come una grande passione di ingegnere per macchine innovative che sfruttano la fisica naturale e la più recente tecnologia per ottenere prestazioni top. 
James Dyson è fondamentalmente un luminare.
Parlo della sua grande genialata di replicare il movimento e le dinamiche di un vero ciclone all'interno di un aspirapolvere; un’ ispirazione che ha fatto la sua fortuna.
Questo ciclone, come per tutti i prodotti Dyson, è chiaramente visibile all’opera all’interno  del serbatoio trasparente del DC62 Digital Slim: una vera forza della natura.
L’aspetto più rilevante infatti è il motore digitale e la tecnologia Root Cyclone che lo rende fino a tre volte più veloce rispetto ai motori tradizionali e che, con una carica di 3 ore e mezzo, può funzionare ininterrottamente per 20 minuti (sembra poco, ma in 20 minuti riuscite a fare tutti i tappeti di casa, i divani, le poltrone e pure i materassi come faccio io). In realtà, reduce da una precedente esperienza fallimentare, ho messo subito alla prova questo aspetto ed ho ottenuto fra 23 e 25 minuti di operatività a piena potenza in diverse occasioni.  Un netto miglioramento rispetto ai 6 minuti del mio modello precedente. A differenza dei suoi rivali, il DC62 non inizia a rallentare per poi morire a fine carica , ma continua a spron battuto, a piena potenza fino a che la batteria gli consente di operare al
massimo. Poi si spegne. E questa ‘succhianza ad oltranza’ è il mantra della scuderia Dyson e la principale caratteristica di tutti i suoi prodotti “The vacuum cleaner that doesn’t loose suction... Not a sausage!” dice una famosa pubblicità.
Ha un pacchetto batteria al litio (nichel manganese e cobalto) che rilascia la sua carica in modo uniforme.
Capisco comunque che l’esser piantati in asso dall’aspirapolvere nel bel mezzo delle pulizie sia una rottura di palle , invece che essere avvertiti dalla diminuzione della potenza dell’apparecchio che è ora di darsi una mossa e finire l’ultimo angolo della cucina pieno di briciole. Forse l’aggiunta di una spia luminosa che avvertisse dell’imminente morte dell’aspirapolvere potrebbe essere una buona cosa (prendi nota James, consiglio di casalinga DOC).
L’apparecchio è leggerissimo, appena 2,3 kg, con un motore che gira fino a 107.000 giri al minuto, apparentemente cinque volte più veloce di una vettura da corsa di F1. Provate a sottolineare questo aspetto con vostro marito quando gli suggerite di darvi una mano “Passa l’aspirapolvere amó, senti il brivido della velocità, la potenza del ciclone... E non dimenticarti sotto al divano...”
Il DC62 possiede anche una scopa motorizzata con delle setole in fibra di nylon rigide in grado di rimuovere lo sporco ostinato da tappeti, e fibre di carbonio per rimuovere le polveri sottili dai pavimenti duri.
La mini Turbo Spazzola poi è una BOMBA per la pulizia degli imbottiti (la uso per i materassi, che a quegli acari gli deve venire la nevrastenia proprio...), e con due nutrie di gatti in giro per casa è la spazzola che lavora di più.
Sempre a proposito di acari ed allergie, un’altra cosa importantissima da sapere è che tra le aziende che producono aspirapolvere, Dyson è l’unica ad essere dotata di un proprio laboratorio microbiologico interno.
Gli acari sono la prima causa di allergie al mondo. Gli scienziati Dyson, grazie alle colture di acari in laboratorio, hanno la possibilità di studiarne il comportamento e gli allergeni da loro prodotti. Questo significa che gli scienziati Dyson possono aiutare i loro colleghi ingegneri nello sviluppo di prodotti che siano adatti anche per le persone allergiche.
Ecco perché mia cognata, con un marito ed una figlia asmatica fin dalla nascita, sposerebbe James Dyson in seconde nozze per il servizio reso alla sua famiglia. 
Molto comodo ed estremamente pratico il supporto da fissare al muro con cui il DC62 è fornito: ti consente di tenere l’aspirapolvere in carica e di averlo a portata di mano quando serve.
Il dispositivo in sé sembra più ingombrante di quello che in realtà è, ma è sorprendentemente ‘agile’ quando è messo al lavoro.
Malgrado il costo sia lo stesso (se non di più) rispetto alla maggioranza degli aspirapolvere per la casa e sia prima di tutto un cordless, il Digital Slim DC62 può in molti casi sostituire completamente un aspirapolvere domestico e per le persone che vivono in appartamento occupa davvero pochissimo spazio.
Poi con 15 cicloni separati, disposti su due schiere per aumentare la capacità di separazione della polvere, il Dyson DC62 succhia davvero fortissimo.
Magari però ‘sta cosa a vostro marito non ditela.


TQF 


P.S.
Messaggio per Mr Dyson:
Il prossimo aspirapolvere lo potrebbe disegnare un po' più austero, o noioso, o con le spine come i fichi d'india per favore? Avere un cordless attaccato al muro che sembra un incrocio tra la spada di Luke Skywalker e l'aspirapolvere di Barbie Madrina degli Acari non aiuta con un quattrenne in giro per casa, con la curiosità di una scimmia strafatta di Ecstasy. 
Prenda nota. 


7 comments:

agag said...

Hai perfettamente ragione. Ho anche io un Dyson senza fili per le pulizie veloci (sono d'accordissimo sulla necessità di una spia che indichi la fine carica!) e uno con filo per le grandi pulizie... mai avuto un aspirapolvere migliore. Costosettoma ne vale decisamente la pena.
Per il tuo quattrenne, aspetta un altro paio d'anni e poi sfrutta il fatto che sembra una spada laser per farglielo pasare per tutta casa! ;-)

mafalda said...

Sono dysoniana, ho sia quello grosso (ma oggettivamente pesante per me che sono nana) che quello da te descritto, comprato a settembre.
E' semplicemente eccezionale!
Adoro le tue recensioni :)

Kiki said...

Il Dyson Dc 35 è stata la prima cosa che ho messo sulla lista di nozze e non me ne sono pentita neanche per un minuto! Noi abbiamo un cane detto "Pedro millepeli" (e dico solo questo), una casa di 100 mq, io lo passo in tutta casa nei 20 minuti di autonomia della batteria e ovviamente tolgo i miliardi di peli che giornalmente il mio cane perde. Non è come le altre scope elettriche, è vero non è molto economico ma io ne ho guadagnato in salute! ;)
Kiki

babara oliva said...

il mio sogno proibito...altro che folletto!!!

Alessandra said...

Io cercavo giusto una buona scusa per comprarlo, che non sapevo proprio se fosse buono o meno però è troppo carino, ecco ora mi attacco alla giugulare del marito così vedo se riesco a trovarlo nell'uovo di pasqua!

Ema said...

mi incuriosisce....da Folletto addicted lo trovo intetessante!

yagonos said...

Era da un po' che puntavo questo dc 62 e nonostante ora si possa prendere "con i punti" all' Eesselunga (12000 punti più 199 € contro i 450 € di Amazon)ero ancora titubante. Così ho cercato ancora info sul web e ho trovato il tuo video.La tua video recensione mi ha convinto.In più sono venuo a conoscenza di questo bellissimo blog ( e dell spagina su FB). Grazie mille !!!!!!