Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale

Ma... Sono io che sto storto stamattina o questo video è incredibilmente divertente? Non riesco smettere di guardarlo... Voglio dire, state cercando di convincere le masse che la teoria del gender è un'emanazione di Satana, e lo fate con 'sto video? Che poi, fatevelo dire, NESSUNO DI VOI ha realmente capito cosa sia la teoria del gender, come viene esposta ai bambini e SOPRATTUTTO quali sono le motivazioni che rendono la cosa così importante, liberatoria ed educativa.
C'è questa paura della possibilità di scegliere di che sesso si vuole essere in base a come ci si sente, in base ai saldi di fine stagione.
Ma secondo voi certe cose si scelgono? Cioè uno un giorno sceglie di essere donna o uomo, così, su due piedi, per noia?
No perché io ci sono giorni che mi sveglio e vorrei tanto avere una patonza in mezzo alle cosce, giusto per dire a mio marito che ho le mie cose e che 'oggi non mi va', ma per ora nulla è pervenuto, se non un marito con le madonne tutto il giorno.
Scherzi a parte, la teoria del gender non si basa sulla possibilità della scelta, ma sull'accettazione di realtà individuali che non possono e non devono essere soppresse da schemi o circostanze, ma abbracciate e vissute con dignità ed orgoglio.
Perché, signorecristo, si tratta di persone. Piccole persone che crescono.
La 'scelta' è il risultato di un vissuto, di una realtà, ed è questa realtà che va protetta e nutrita con rispetto ed amore.
Se la scelta arriverà, sarà il risultato di un percorso, non la sua causa originante.
Non si tratta di decidere se da oggi ti piace il pisello o meno, o di decidere se ti piace di più il calcio che le Barbie, ma di avere la sicurezza e la tranquillità che tutto va bene, che sei a posto, che non sei strano.
Si tratta di avere la tranquillità di essere maschio (etero o meno), pure se ti piacciono i Mini Ponies, o di essere femmina (etero o meno) pure se giochi a pallone meglio di Maradona.
Finché là fuori ci saranno persone che non riescono a capire la differenza tra gender e sessualità, ci ritroveremo a guardare video come questo, con signore trafelate con permanenti crespe e maglioncini da lapidazione in piazza, mariti rincoglioniti dalla televisione ed incastonati su divani in pelle del cinese, e bambini stressati.
Che poi a volerglielo chiedere, secondo me quel poverino si vergogna proprio di loro. Scusate, ma non mi capacito di quel maglione.
Ma andó abitate?
In Lapponia?
Povero cucciolo, che vorrebbe tanto dirle "Mamma, quel maglione ti sta unammerda e meriteresti di essere sepolta viva e dissotterrata tra 100 anni, quando la maglieria norvegese tornerà di moda!" ma non lo fa per paura di essere chiamato ricchione da papà.
Adesso, con la teoria del gender quel bambino potrebbe mantenere la sua mascolinità ed eterosessualità agli occhi della società e della famiglia, ed avere la libertà di poter dire "mamma, con i tuoi occhi dovresti indossare un bel color smeraldo e farti un bel taglio sfilato color miele...".
E andartene affanculo, aggiungerei io fuori campo.

Invece no.


TQF xx

11 comments:

mafalda Fissore said...

Prontamente diffuso il video con annesso nome del tuo blog. Complimenti per il post! Mafalda

Peggy Lyu said...

Purtroppo avevo già visto i l video e la mia reazione è stata l'indecisione se ridere o piangere o arrabbiarmi. N

Sweets by Sonia said...

Per dirne una.. ieri la mia Furbissima settenne mi racconta che una compagna di scuola le ha chiesto se è mezza maschio e mezza femmina. Io di rimando:"Perché?" E lei: "Perché ho la matita di Dragonball e mi piacciono i supereroi".... "e tu cosa le hai detto??" "che anche se sono femmina, mi piacciono Dragonball e i supereroi, e di non farmi più domande stupide". Lei mitica, però rendiamoci conto del lavaggio del cervello che parte già da quest'età...

paroleperaria said...

Grazie per avermi fatto conoscere questo video abominevole e vergognoso... ti condivido subito :)

Anonymous said...

eh che mi freghi perché poi leggo i commenti e mi torna su il petto di pollo del pranzo. No vabbè, però poi leggo "a scuola si insegna il gaysmo" e tutto si trasforma in coriandoli e trombette...perché è uno scherzo...come..? ...non è uno scherzo? omg... Chiara

violetta profumata said...

credo davvero da lettrice fin ora silenziosa, che tu sia la persona giusta nel periodo giusto. C'è davvero bisogno di non dimenticare quanta merda ci piove addosso e piove addosso ai nostri bambini. grazie

Ale [Tredici] said...

Io cerco sempre di essere serio su queste cose, perché è una delle mie "battaglie"; ma a volte la prendo con leggerezza, perché altrimenti esploderei.
E a me questo video ha fatto tanto, TANTO ridere.

Fede said...

ti leggo da poco, ma mi piaci assai. sul video, beh, sembra quasi una parodia. siamo sicuri che non sia stato girato da una associazione pro choices?

Silvia said...

Ti ho appena scoperto e non ti lascerò mai più! Grandeee!

Antonella Antoquasi said...

Non so se hai letto quello che è successo a Trieste in questi giorni.
Tutto iniziò qui:http://www.vitanuovatrieste.it/il-comune-di-trieste-spieghi-questa-pubblica-vergogna/
Continuò qui: http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2015/03/09/news/il-gioco-proposto-all-asilo-finisce-nella-bufera-1.11010996
E persino qui:http://www.theguardian.com/world/2015/mar/10/school-plan-change-gender-stereotypes-storm-italy
E per fortuna finisce qui:http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2015/03/13/news/boom-di-richieste-per-il-gioco-del-rispetto-1.11036648
Evidentemente il fatto che mia figlia possa decidere di essere qualcosa di diverso da quello che la società, le convenzioni e i media le suggeriscono, dà fastidio e fa paura a tanti. Fa paura un uomo che stira, fa paura una donna che lavora.
Nonostante tutto e tutti, abbiamo vinto. Non la guerra, sia chiaro. Ma una piccola battaglia.
L'altro ieri in una piccola scuola materna di una ventosa città del Nord Est dello stivale italico, un gruppetto di mamme e papà coi controcazzi, uniti più che mai, ha preso in mano il futuro dei loro, dei nostri, dei vostri figli. Vorrei che sapessi, che più gente possibile sapesse, che quello che è successo qui deve succedere ovunque.

Nella Crosiglia said...

Vedere il video e buttarsi nell'assurdo è la stessa cosa...molto interessante il tuo blog e scritto con sottile "humor inglese"... ahahahah...
Scherzi a parte , mi hai invogliato a non perderti e quindi mi sono subito iscritta , sperando in un gentile tuo ricambio..
Buon pranzo e a presto ..spero! Grazie!
http://rockmusicspace.blogspot.it/