Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale

Ma... Sono io che sto storto stamattina o questo video è incredibilmente divertente? Non riesco smettere di guardarlo... Voglio dire, state cercando di convincere le masse che la teoria del gender è un'emanazione di Satana, e lo fate con 'sto video? Che poi, fatevelo dire, NESSUNO DI VOI ha realmente capito cosa sia la teoria del gender, come viene esposta ai bambini e SOPRATTUTTO quali sono le motivazioni che rendono la cosa così importante, liberatoria ed educativa.
C'è questa paura della possibilità di scegliere di che sesso si vuole essere in base a come ci si sente, in base ai saldi di fine stagione.
Ma secondo voi certe cose si scelgono? Cioè uno un giorno sceglie di essere donna o uomo, così, su due piedi, per noia?
No perché io ci sono giorni che mi sveglio e vorrei tanto avere una patonza in mezzo alle cosce, giusto per dire a mio marito che ho le mie cose e che 'oggi non mi va', ma per ora nulla è pervenuto, se non un marito con le madonne tutto il giorno.
Scherzi a parte, la teoria del gender non si basa sulla possibilità della scelta, ma sull'accettazione di realtà individuali che non possono e non devono essere soppresse da schemi o circostanze, ma abbracciate e vissute con dignità ed orgoglio.
Perché, signorecristo, si tratta di persone. Piccole persone che crescono.
La 'scelta' è il risultato di un vissuto, di una realtà, ed è questa realtà che va protetta e nutrita con rispetto ed amore.
Se la scelta arriverà, sarà il risultato di un percorso, non la sua causa originante.
Non si tratta di decidere se da oggi ti piace il pisello o meno, o di decidere se ti piace di più il calcio che le Barbie, ma di avere la sicurezza e la tranquillità che tutto va bene, che sei a posto, che non sei strano.
Si tratta di avere la tranquillità di essere maschio (etero o meno), pure se ti piacciono i Mini Ponies, o di essere femmina (etero o meno) pure se giochi a pallone meglio di Maradona.
Finché là fuori ci saranno persone che non riescono a capire la differenza tra gender e sessualità, ci ritroveremo a guardare video come questo, con signore trafelate con permanenti crespe e maglioncini da lapidazione in piazza, mariti rincoglioniti dalla televisione ed incastonati su divani in pelle del cinese, e bambini stressati.
Che poi a volerglielo chiedere, secondo me quel poverino si vergogna proprio di loro. Scusate, ma non mi capacito di quel maglione.
Ma andó abitate?
In Lapponia?
Povero cucciolo, che vorrebbe tanto dirle "Mamma, quel maglione ti sta unammerda e meriteresti di essere sepolta viva e dissotterrata tra 100 anni, quando la maglieria norvegese tornerà di moda!" ma non lo fa per paura di essere chiamato ricchione da papà.
Adesso, con la teoria del gender quel bambino potrebbe mantenere la sua mascolinità ed eterosessualità agli occhi della società e della famiglia, ed avere la libertà di poter dire "mamma, con i tuoi occhi dovresti indossare un bel color smeraldo e farti un bel taglio sfilato color miele...".
E andartene affanculo, aggiungerei io fuori campo.

Invece no.


TQF xx