Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Blog Archive

Archivio Reale

Questo weekend festeggeremo il sesto compleanno di sua Tappezza.
Cioè, ha sei anni. SEI.
Di già.
Non so voi, ma dopo aver avuto un figlio, è come se avessi incontrato una pozza di olio per strada e stessi scivolando di panza attraverso gli anni.
Giusto stamattina mi ha detto che non c'è bisogno che gli tenga la mano per strada perché ormai ha quasi sei anni.
"No, la mano me la dai perché LA VOGLIO! E sei tu a tenere la mia, non so se è chiaro..." ho pensato, ma non ho detto nulla, ho semplicemente mandato giù quell'impasto fin troppo famigliare di orgoglio e malinconia che si prova nel vedere i nostri cuccioli crescere.
Mi sono appena finito di rileggere un vecchio post, in cui parlavo di un tragico cambio di pannolino a bordo di un aereo.
Sembrano secoli fa.
A volte lo guardo e non riesco a credere che, appena nato, tutte le tutine che avevamo comprato gli stessero grandi.
Era minuscolo.
Un sorcetto piccolo piccolo.
Adesso si barcamena tra karate, tennis e calcio. Un uragano di testosterone e capoccia granitica. Più alto della media per la sua età e con una personalità dirompente.
Quando vado a mettere a posto la sua stanza, mi vengono i lucciconi a pensare a quando ero l'unico che poteva metterlo a dormire...
Il mio doveva essere l'ultimo viso che vedeva, prima di spegnere la luce.
Un viso sfranto dalla mancanza di sonno, ma con delle occhiaie a zaino piene di amore.
Dove sono finiti tutti questi anni?
Sembro mia madre perdíoh.