Seguimi Via Mail!

Sotto alla Corona

My photo
Se avete voglia di parlare o se sentite che qualcosa che scrivo vi tocca da vicino, non siate timidi e mandatemi due righe... Scrivete a thequeenfather@me.com Mi fa sempre piacere!

Search

Loading...

Blog Archive

Archivio Reale

AH!
Che meraviglia tornare nella mia amata Tuscia in questo periodo dell'anno... I castagneti sono
completamente ricoperti di Anemoni Blanda e Ciclamini, da cogliere a mazzi, a mazzi e a mazzi!
Le temperature sono incredibilmente miti (forse anche un tantino più che miti... Ieri eravamo a 25º... Quasi Addis Abeba) ed io continuo a correre ogni mattina che ha fatto il Signòr.
Dal 7 marzo ad oggi ho perso la bellezza di 6kg, continuando a mangiare normalmente, ma facendo attività fisica ogni giorno (da lunedì a venerdì... che il weekend Dio ha detto di santificarlo rimanendo orizzontali a magnà).
La campagna qui intorno è di un bucolico che levate, e io mi lancio in mezzo ai campi di buon'ora, ripercorrendo le stradine polverose, teatro delle mie scorribande di bambino appena 35 anni fa.
Mi dà un senso di conforto trovare gli stessi posti, scampati all'urbanizzazione, esattamente com'erano allora.
Qualche staccionata è stata rinnovata, qualche casale ha cambiato colore e certi vecchi cani non sono più lí ad abbaiare a chi passa davanti al cancello.
Ma c'è ancora tutto.
Anche i profumi.
L'unico neo è un enorme albero, credo sia un cedro del Libano, con un ramo bassissimo che quasi toccava terra (ora supportato da un cavalletto di legno) su cui ci arrampicavamo da piccoli e su cui incidemmo tutte le nostre iniziali con un coltellino da tasca.
Io, Giancarlo, Giuseppe, Fabrizio, Antonio, Alessandro, Gianluca.
Muoio dalla voglia di vedere se le iniziali siano ancora lí, dopo più di 30 anni, ma ahimé, il terreno è stato comprato e recintato con un cancello che manco a Mordor, quindi devo accontentarmi di ficcare il naso tra le sbarre mentre faccio stretching, di osservare quel ramo e di immaginare quella fila di gambette corte in calzini colorati, a ciondolare nella brezza estiva di trent'anni fa, in mezzo ad un mare di cicale.
Credo sia un enorme lusso poter tornare sui luoghi della propria felicissima infanzia e poterli condividere con i propri figli.
Anche se spesso il fascino dell'arrampicata sugli alberi scema di fronte alle ultime prodezze da PlayStation.
Ma vabbè.
Ho anche avuto il dubbio piacere di scambiare due chiacchiere con una mia vecchia conoscenza, anche lei madre di un bellissimo ragazzino che ne è la fotocopia.
Le cose non cambiano per tutti ed ho dovuto constatare che l'ignoranza e la mancanza di tatto sono tra le cose che più tendono a rimanere appiccicate alla persona, come la gomma da masticare sotto alle scarpe in agosto.
"Ma di chi sono i geni?"
"Ma di chi è? Tuo o suo?"
"Ma non chiama 'mamma'?"
"Ma tu gli hai detto dove lo avete preso?"
"Ma non ti fa domande strane?"
"Ma se la natura dice che non si possono avere figli perché insistere?"
"Ma di madre non esiste solo quella biologica?"
"Ma non è naturale essere allevati da una femmina?"
"Ma non lo prendono in giro?"
"Ma non hai paura che cresce coi problemi?"
Io ero troppo occupato ad assicurarmi che il Tappo non si rompesse l'osso del collo giocando a pallone con gli altri bambini per dare troppo peso alle incalzanti domande.
Poi la tipa si è rivolta a suo figlio
"AHÓ! MA CHE ORE SÒ? STO DEFICIENTE MICA ME DICE NIENTE CHE SÒ GIÀ LE CINQUE! TE VOI DÀ 'NA MOSSA? C'HAI ANCORA DA FA I COMPITI E SE NON TE SBRIGHI TU' PADRE STASERA TE SPACCA L'OSSA!"
E niente, allora ho chiuso la bocca, ho spinto gli occhiali da sole su per il naso, ho sorriso a me stesso ed ho deciso che per una volta quelle perle me le sarei tenute in tasca.

Che alla fine poi a negare al maiale il suo giusto nutrimento gli si fa pure torto.


Baci belli!

TQF xx



10 comments:

Cris B. said...

*90 minuti di applausi*
*Oscar per la perla finale*
Grande Marco!

divinaringhio said...

Abbeh, il regazzino cresce bbene....
Ma chi hai incontrato? Barbiesentinelladicristallo?
������������applauso!!!!

Annalisa Bellotti said...

no ma vaffa... ma vaffa... e non alla scema di cui sopra... me so'fermata ai 6 kg col vaffa sulla punta della lingua. te odio, e te amo. oggi te odio de più

La Mamma Lisa said...

In fondo all'orto di mia nonna c'era un fossato che divideva due campi. Il dislivello era di circa due metri, ma all'epoca sembrava di doversi rotolare dalle montagne russe, quasi fosse un rito d'iniziazione.
Divertiti con il Tappo, e fregatene delle saccenti di turno!
: -)

Nia said...

Ti mancano i 6 kg? No perché te li ridò io se vuoi, mi fai un favore.
La fine ed elegante signora invece preferisco non commentarla, anche se mi ricorda molto la mia vicina, che però l'accento ce l'ha veneto e non romano. Comunque certe persone dovrebbero ricordarsi che "a volte è meglio stare zitti e sembrare stupidi, che aprire bocca e togliere ogni dubbio"

DM said...

Adoro che tu sia tornato!

Anonymous said...

Contenta dei nuovi post! Qualche giorno fa non trovavo più il tuo blog. Pensavo lo stessi rifacendo ;-) Per il resto l'Italia è bella, la mentalità di alcuni italiani un po' meno.

Cristiana Di Paola said...

Quasi vicini di casa. La tua amica la vedo ovunque

Ottavia said...

Ciao!
Ho scoperto il tuo blog per caso e che dire...sei fantastico, tu e la tua famiglia!
La delicatezza (ingenuamente?) ignorante di alcuni italiani lascia il tempo che trova, basta non farci caso.

Ti lascio un saluto ed un bacio al pupo!

Ottavia

Unknown said...

Thanks for post....
order phụ kiện quảng châu giá rẻ.
ship tốc độ đi maldives giá rẻ nhất
ship tốc độ tới maldives
chuyên hang sang Maldives gia thâp
Ship Tốc Độ Sang Maldives Giá Rẻ Nhất
aspirin ph8